Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 7 febbraio - Aggiornato alle 00:18

Ideare, produrre, diffondere e leggere un testo: l’evento di presentazione di ‘Textualities’ a Perugia

Si tratta del primo corso di alta formazione rivolto ai mestieri del testo. Incontro a Palazzo Cesaroni mercoledì 30

Appuntamento a Palazzo Cesaroni, mercoledì 30 novembre alle 17, per la prima presentazione aperta al pubblico del corso di alta formazione Textualities. Tema centrale saranno le forme di scrittura di oggi, l’ideazione di un testo e la sua produzione, diffusione, e come leggerlo al meglio. L’incontro vedrà la partecipazione di docenti e giornalisti umbri e sarà anche l’occasione per presentare il Master di primo livello rivolto ai mestieri del testo di Arci Spazio Humanities Aps in collaborazione con l’Università degli studi di Perugia e altri.

Textualities, scrivere oggi L’incontro, che avrà come location la Sala Partecipazione di Palazzo Cesaroni, in Piazza Italia a Perugia, sarà anche trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Spazio Humanities. Oltre al Master di primo livello in Textualities, sarà presentato il corso di formazione intensivo della durata di trenta ore, organizzato e promosso da Spazio Humanities in partenariato con l’Università degli studi di Perugia, sui temi della testualità. Il progetto rappresenta il primo percorso di alta formazione che si rivolga al testo nei suoi vari ambiti d’utilizzo, da quello creativo a quello tecnico e aziendale. A esporre saranno Maria Borio, il professore Roberto Contu, Stefano Giovannuzzi, docente di letteratura italiana contemporanea all’Università di Perugia, Mino Lorusso, presidente dell’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria, il professore Sergio Pasquandrea e Fabrizio Scrivano, docente di letteratura italiana all’Università di Perugia. Il convegno si svolgerà con il patrocinio dell’Università degli Studi di Perugia, dell’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria, di Fenice Formazione, di Centro Scritture, di Umbrò Cultura e con la sponsorizzazione della Società Dante Alighieri.

I commenti sono chiusi.