Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 28 settembre - Aggiornato alle 15:46

Cinema Politeama, porte aperte da cinque giorni e ora via al festival: «Buona risposta della città»

Ripartenza ‘con affetto e fiducia’, al multisala del centro di Terni e in altre locations torna Popoli e Religioni

di Mar. Ros.

La primavera, soprattutto dopo un lungo ‘letargo’ di attività per effetto delle norme anti-Covid non è certo la stagione ideale per la ripartenza di un cinema al chiuso, complice anche l’ampia disponibilità di piattaforme di intrattenimento online ai quali in molti si sono abbonati potendo godere di film e serie tv comodamente dal divano di casa; eppure, a sentire Barbara Travaglini, in prima linea nella gestione nel nuovo Politeama di Terni, la risposta dei clienti nei primi giorni della riapertura è stata buona: «Non che abbiamo fatto numeri da capogiro, è ovvio, ma l’interesse è tanto, l’affetto della città non manca e siamo fiduciosi che le cose possano via via andare per il meglio».

Cinema Politeama E intanto che il settore prova a riposizionarsi sul mercato, il film festival Popoli e Religioni torna nella sua casa storica, il cinema Politeama appunto. Sotto la direzione artistica di Arnaldo Casali, al via con un’anteprima a Santa Maria delle Grazie ‘il richiamo’ o la ‘seconda ondata’ dell’edizione autunnale online. Termini che rimandano alla pandemia di Covid, volutamente; del resto il tema è ‘Contagion’. Ma stavolta si parlerà molto anche di lavoro, quello al cinema e quello del Cinema con un focus su Umbria film commission e probabilmente una parentesi dedicata anche alla sicurezza sul lavoro, visti i recenti fatti di cronaca. Perché Popoli e Religioni, ideato nel 2005 dall’allora vescovo di Terni Vincenzo Paglia, si occupa di dialogo interreligioso, spiritualità nel cinema, integrazione, educazione, ma soprattutto attualità. Tra un film e l’altro in concorso Istess e Diocesi avviano riflessioni sulla tecnologia, il viaggio, la metamorfosi, l’innovazione, le scoperte, aprono una vera e propria finestra sul mondo.

Popoli e Religioni Col film festival il Politeama ha subito l’opportunità di proporre contenuti culturali alla città, un’alternativa alla monotonia di giorni scanditi dalle restrizioni, alcune delle quali comunque permangono. Ecco perché è opportuno prenotare. Quanto al futuro del multisala, Travaglini ammette: «Cerchiami di programmare la stagione autunnale», ma si capisce che i tempi non sono maturi per pianificare. Intanto dall’Istess, la prossima settimana, dovrebbe uscire il programma completo del festival. 

I commenti sono chiusi.