Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 9 maggio - Aggiornato alle 13:30

A Perugia nasce PopUp: spazio sociale e culturale con libri, angolo ‘spuntini’ e servizi

Mercoledì 21 aprile l’apertura in ‘piazza Birago’. Al via intanto la campagna di partecipazione popolare alla libreria indipendente con caffetteria e attività gratuite per la comunità

La squadra di PopUp in 'piazza Birago'

di D.N.

La rigenerazione urbana passa non solo attraverso gli spazi ma anche le idee. Non è un crowdfunding, ma una dichiarazione di fiducia e ottimismo, con la voglia di far parte da subito, tesserandosi o acquistando un libro, di un inedito progetto di rigenerazione urbana partecipata e dal basso che nasce a Perugia. Parte con la campagna #POPFUNDING l’avventura di POPUP (libri / spunti / spuntini), spazio culturale e sociale, con una libreria indipendente e un angolo caffetteria che aprirà i battenti mercoledì 21 aprile a Perugia nella cosiddetta “piazza Birago” (via Birago 22), nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anti Covid vigenti.

Popfunding In attesa di poter alzare le saracinesche dello spazio che per molti anni, fino alla chiusura, ha ospitato un fruttivendolo molto conosciuto nel quartiere, è già possibile entrare virtualmente nell’universo di POPUP: da un caffè omaggio a stampe autografate, da una tessera sconto annuale per i libri a prodotti enogastronomici del territorio, dalle shopper POPUP agli auguri personalizzati (con tanto di regalo a sorpresa), sono tanti i modi per chi vorrà partecipare da subito alla campagna di lancio del progetto, acquistando un libro o tesserandosi. La campagna di “tesseramento” proseguirà poi – online e di persona, dopo l’apertura del 21 aprile – fino al 31 maggio.

Centro culturale e sociale Promossa dall’associazione perugina MenteGlocale, in collaborazione con l’associazione di quartiere CAP 06124, l’associazione settepiani aps e il gruppo informale Defrag, l’iniziativa si sviluppa in uno spazio fisico di proprietà di ATER Umbria, assegnato nell’autunno 2020 tramite bando a una rete di associazioni di cui MenteGlocale – che quest’anno festeggia i suoi primi 20 ani di attività – è capofila. “In questi mesi il locale è stato ristrutturato a spese dei soci delle associazioni aggiudicatarie – spiegano da MenteGlocale – che hanno fornito il proprio contributo in termini economici e professionali. Ora, compatibilmente con le limitazioni causate dall’emergenza Covid-19, lo spazio si caratterizzerà come un centro culturale a 360°, con una libreria indipendente incentrata su editoria illustrata per bambini, ragazzi e adulti e saggistica contemporanea, angolo caffetteria e un ventaglio di attività e servizi gratuiti per la comunità”. Nell’ottica di una rigenerazione urbana continua, che parte dalla partecipazione attiva dei residenti e dei cittadini e dalla promozione di iniziative culturali, POPUP si caratterizzerà infatti come un hub sociale e culturale, con un ricco palinsesto di attività, dal portierato di quartiere alla banca del tempo, dall’aiuto compiti al Gruppo di acquisto solidale. Oltre, ovviamente, alle attività culturali legate alla libreria e all’angolo sfizieria: laboratori, presentazioni, degustazioni guidate. L’obiettivo è dare autonomia economica alle proposte e ai servizi gratuiti offerti alla cittadinanza, grazie proprio all’attività della libreria e dell’angolo caffetteria. Attività, servizi e momenti conviviali che verranno realizzati nel corso dell’anno anche all’aperto, grazie alla possibilità di utilizzare la piazza nella pertinenza di POPUP e un piccolo parco pubblico interstiziale tra i palazzi, gestito dall’associazione di quartiere CAP 06124 che raccoglie residenti e commercianti della zona.

I commenti sono chiusi.