Quantcast
giovedì 5 agosto - Aggiornato alle 23:57

«Innovazione sociale a misura di città», il 2 a Perugia la presentazione del progetto

Appuntamento alle 21 al circolo Arci di Sant’Erminio. In programma anche il concerto del quartetto jazz di Chiara Viola

Il volantino dell'iniziativa

Si terrà venerdì 2 agosto alle 21 al circolo Arci di Sant’Erminio il concerto, a ingresso gratuito, del quartetto jazz di Chiara Viola che presenterà il suo disco «Until Now». Una serata, organizzata da Arci Perugia, che sarà soprattutto l’occasione per presentare per la prima volta al pubblico lo staff del progetto «Innovazione sociale a misura di città» che, insieme a un folto gruppo di abitanti dell’area di Monteluce e Sant’Erminio, sta dando vita ad azioni di welfare generativo e di comunità. E proprio per chiudere il primo anno di lavori di coprogettazione lo staff del progetto ha organizzato, in collaborazione con l’associazione Pannonica jazz club, la serata con Chiara Viola; un primo di molti altri eventi che daranno la possibilità agli abitanti di ritrovarsi, animare le piazze e vivere il proprio quartiere con eventi culturali. Il progetto, finanziato dalla Regione Umbria attraverso i fondi europei, vede come soggetti attuatori Arci, Arcisolidarietà e Papaveri rossi.

La musica Chiara Viola ha cominciato a studiare musica fin da giovanissima, in particolare chitarra classica, canto moderno e canto jazz. È stata allieva di Cinzia Spata, Maria Pia De Vito e Danilo Rea, ha cantato con Antonella Ruggiero, Claudio Rocchi, Max Gazzè, Riccardo Biseo, La Batteria, Ultimo e tanti altri; inoltre ha partecipato a numerosi festival come Jazzit Fest e Gezz Night. «Ho dato voce al mio universo interiore e Until Now – dice Viola a proposito del disco – racchiude il mio mondo. Avendo scritto anche i testi la musica assume una dimensione di narrazione anche testuale, oltre che musicale. I viaggi, le persone, gli incontri e i paesaggi rappresentano semplicemente tutta la mia vita fino adesso. Li racchiudo nella musica così non potrò perderli mai!».

 

I commenti sono chiusi.