mercoledì 26 giugno - Aggiornato alle 03:20

Spoleto, azzannata da un pitbull senza guinzaglio: donna salvata da un passante

Morsa a braccio e mano, ferito anche il suo cane. L’animale scappa di nuovo al proprietario e viene portato in canile

di Chiara Fabrizi

Azzannata da un pitbull mentre cammina in centro col cane. E’ stata medicata e poi dimessa, con una decina di giorni di prognosi, la sessantenne aggredita a Spoleto dall’animale in quel momento libero e da solo in strada. La donna era a spasso in centro storico con il proprio cane al guinzaglio, quando il pitbull sciolto si è fiondato contro i due. Spaventata la spoletina ha preso in braccio il proprio cane, di taglia piccola, e in breve si è trovata a terra con il pitbull sopra. Le urla della sessantenne sono state avvertite dai residenti della zona del chiostro di San Nicolò, alcuni dei quali si sono affacciati alle finestre, mentre fortunatamente uno è accorso per aiutare la donna, riuscendo a liberarla dal pitbull, che comunque l’ha ferita a un braccio e a una mano.

Azzannata da un pitbull Dall’aggressione, che risale a lunedì 20 maggio, è uscito malconcio anche il suo cane, che ha avuto bisogno di ricorrere alle cure, al pari della donna medicata al Pronto soccorso. Sul posto è intervenuta la polizia veterinaria, per tutti gli accertamenti e i provvedimenti del caso. In base a quanto ricostruito con la Usl2, l’animale è risultato regolarmente dotato di microchip ed è stato quindi riconsegnato a un parente del proprietario che aveva temporaneamente in custodia il cane: per lui l’ordine era di tenere in casa e sotto osservazione l’animale per dieci giorni, come previsto dalle norme. Ma così non è andata e, infatti, la polizia veterinaria è dovuta nuovamente intervenire, a seguito delle chiamate di alcuni cittadini che segnalavano ancora il pitbull a spasso da solo, fortunatamente il bis risulta senza feriti. Con il secondo intervento, però, gli addetti del servizio Usl2 hanno fatto scattare il trasferimento del pitbull al canile sanitario, dove trascorrerà i dieci giorni di rito nella struttura veterinaria, dopodiché verrà riconsegnato al proprietario, con allegata sanzione amministrativa di circa 300 euro, cui si somma il pagamento per il doppio intervento di cattura. Ma peggio di tutti è andata alla sessantenne azzannata e molto spaventata dall’aggressione.

@chilodice

I commenti sono chiusi.