Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 21 gennaio - Aggiornato alle 20:50

Schianto mortale sulla Flaminia, Terni saluta Riccardo: «Ciao amico biker dal cuore grande»

Lo stordimento di familiari e amici: «Davvero un bravo ragazzo e appassionato centauro». In intensiva la ragazza che era con lui

di Maria Giulia Pensosi

Disorientati e confusi, si potrebbe dire storditi. Sicuramente non pronti, e chi lo sarebbe, ad accettare una simile realtà. È così che si sentono familiari, amici e conoscenti di Riccardo Kahuqui, il 24enne morto mercoledì sera nello schianto contro un autocarro mentre lungo la Flaminia procedeva in direzione Terni. In sella con lui una 22enne ternana, ricoverata in ospedale e ora in terapia intensiva con prognosi riservata. Sul luogo del sinistro, mercoledì sera, il dolore affogato nel pianto di qualche amico che si era recato sul posto non appena appresa la drammatica notizia. Riccardo è morto sul colpo, inutili i soccorsi.

L’ACCADUTO

Ciao Riccardo Residente a San Gemini, lavorava all’acciaieria di Terni come dipendente di una ditta esterna: «Era un bravo ragazzo – racconta una sua amica a Umbria24 -, generoso, espansivo, la classica persona ‘di cuore’. Ha sempre nutrito una grande passione per la due ruote a bordo della quale ha perso la vita, ma amava il mondo dei motori in generale. Sui social, elaborando il lutto, c’è chi lo ricorda proprio per i tour in sella a una moto con la sua comitiva: «Ciao amico biker – si legge in un post – sempre sorridente. Buon viaggio». «Mi mancherai un sacco – si legge in un un altro post Facebook – te ne sei andato senza salutarci. Avevo ancora così tante cose da raccontarti, e dovevamo farci ancora tante di quelle risate. Sei stato un amico speciale. Un giorno ci rivedremo e spero di trovarti sempre con quel bel sorriso sulle labbra». E intanto le dita sono incrociate per la ragazza che era in sella con Riccardo, trasportata d’urgenza in ospedale. Secondo le informazioni che trapelano da ambienti sanitari non sarebbe in pericolo di vita.

I commenti sono chiusi.