Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 26 settembre - Aggiornato alle 15:24

Ragazzo trovato morto, il magistrato chiede perizia anche sulle lesioni della trans

Il giorno dell’autopsia. La difesa dei familiari del 22enne: «Non convince la ricostruzione di Patricia, va approfondita»

di Maurizio Troccoli

Mentre i periti dei magistrati eseguono l’autopsia sul cadavere del 22enne Samuele De Paoli, di Bastia Umbra, alla presenza dei consulenti della difesa, ci si prepara per un nuovo esame sul corpo di Patricia, la transessuale accusata di omicidio preterintenzionale.

VIDEO: IL LUOGO DEL RITROVAMENTO
FOTOGALLERY

L’esame sul corpo di Patricia Il magistrato, Giuseppe Petrazzini lo mette nero su bianco: «Accertare alla luce della documentazione acquisenda e visita medico-legale le condizioni fisiche di Pinheiro Reis Duarte Hudson, in relazione agli eventi, al fine di individuare mezzi e portata delle lesioni ad essi relative, nonché accertare la pregressa assunzione di sostanze stupefacenti». Nel primo pomeriggio di venerdì è iniziato, all’obitorio dell’ospedale di Perugia, l’esame sul cadavere del 22enne di Bastia. Si proverà a capire innanzitutto l’orario del decesso e a formulare le possibili cause della morte.

Il legale e la ricostruzione «Attendiamo gli esiti dell’autopsia – ha detto l’avvocato Francesco Gatti – per compiere ogni tipo di valutazione. Al momento il quadro è fermo». La trans Patricia ha ricostruito davanti ai magistrati l’accaduto spiegando che la lite è scaturita da questioni legati al loro rapporto sessuale. Ha anche detto che in quel fosso dove è stato trovato Samuele morto, lei c’è caduta insieme a lui durante la colluttazione. Agli inquirenti ha dichiarato di averlo lasciato vivo, di averlo sentito parlare. Come ha anche detto che durante la notte ha telefonato al suo autista che da quel luogo l’aveva accompagnata a casa chiedendogli: «Ma non sarà il caso che torni a vedere se è ancora lì» e di essersi sentita rispondere: «Ma lascia stare, quello sarà andato a casa». Circostanza che sarebbe stata anche confermata agli inquirenti dallo stesso autista.

La difesa della famiglia di Samuele La ricostruzione di Patricia tuttavia non convince la difesa della famiglia di Samuel: «Non mi convince assolutamente – dice il legale Valter Biscotti – mi lascia perplesso questa ricostruzione, la dinamica non è assolutamente convincente e merita di essere approfondita«.

I commenti sono chiusi.