Quantcast
giovedì 30 giugno - Aggiornato alle 22:13

Coltellate al ‘Lido Club’ di Ponte San Giovanni: otto feriti, due arrestati

Tentato omicidio e lesioni le accuse contestate a un albanese che dopo aver vibrato la lama nella sala da ballo è scappato dalla discoteca

©Fabrizio Troccoli

di Enzo Beretta e Ivano Porfiri

Coltellate nella sala da ballo del Lido Club di Ponte San Giovanni. Otto persone sono rimaste ferite, una coppia di albanesi (30 anni lui, 32 lei) sono stati arrestati dai carabinieri. Le accuse contestate all’uomo riguardano il tentato omicidio e le lesioni aggravate, solo di lesioni viene ritenuta responsabile la donna. Entrambi, difesi dall’avvocato Daniela Paccoi, sono stati arrestati in flagranza dai militari della stazione di Ponte San Giovanni (diretti dal luogotenente Mirko Fringuello) coordinati negli accertamenti dal sostituto procuratore di Perugia Anna Maria Greco.

Le indagini Ancora al vaglio degli investigatori le dichiarazioni dei testimoni, fatto sta che l’episodio violento è avvenuto durante la notte tra lunedì e martedì dopo le 3 quando il trentenne ha estratto una lama dalla tasca dei pantaloni e la compagna dalla borsa. Sembrerebbe che tra le persone aggredite ci fosse anche l’ex fidanzato dell’indagata che, prima di essere aggredita, stava ballando insieme ad altre amiche. Nella colluttazione sono rimaste ferite anche persone che hanno provato a sedare la lite. E’ stato ferito anche il deejay. I carabinieri del radiomobile hanno intercettato la Mercedes Classe A utilizzata dai due arrestati per allontanarsi dal locale: entrambi avevano i vestiti imbrattati di sangue.

Le prognosi Medicati al pronto soccorso i due arrestati hanno riportato ferite giudicate guaribili in trenta giorni. Ferite da taglio al gomito oppure all’avambraccio, alle mani e alle spalle. Un giovane che ha riportato ferite al collo e alla schiena viene giudicato guaribile in tre settimane, le altre prognosi minori scendono anche a 7 giorni.

I commenti sono chiusi.