Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 18 maggio - Aggiornato alle 09:35

Perugia, fino al 31 maggio ancora chiusure di vie e giardini. Sull’E45 niente alcol dalle 18

Comune proroga le ordinanze volte al contenimento del contagio. L’elenco delle zone della città coinvolte

Le scalette del duomo di Perugia (foto ©Fabrizio Troccoli)

Sono state prorogate fino al 31 maggio le ordinanze, firmate dal sindaco di Perugia Andrea Romizi, con cui si stabiliscono una serie di misure volte al contenimento del contagio da nuovo coronavirus. Almeno fino a fine mese quindi ogni sabato, dalle 15 fino al coprifuoco, saranno chiusi al pubblico i giardini Carducci, il percorso pedonale che collega i giardini del Pincetto a strada del Mercato, via Marzia, via Volte della Pace, le scalette di via Cesarei, che collegano Piazza Piccinino a via Mattioli, il belvedere di Porta Sole in Piazza Rossi Scotti, l’area verde di Piazza San Francesco e quella del Tempio di Porta Sant’Angelo.

Le misure Per l’intera giornata invece saranno transennate la scalinata della cattedrale di San Lorenzo, sia nella parte che si affaccia su Piazza IV Novembre che su quella che si affaccia su Piazza Danti, e le scale di Palazzo dei Priori. Misure, quelle che riguardano giardini e scalette, la cui efficacia viene contestata da più parti dato che, come accaduto durante l’ultimo sabato pomeriggio di sole, le persone si ritrovano a gruppi nei dintorni delle zone chiuse che, se aperte, permetterebbero una distribuzione migliore. Sempre fino al 31 maggio, lungo la E45 tutti giorni, dalle 18, non si potranno vendere bevande alcoliche, fatta eccezione per il servizio al tavolo. Una misura, quest’ultima, presa dopo la segnalazione di diversi assembramenti in alcune aree di servizio durante l’orario dell’aperitivo.

I commenti sono chiusi.