venerdì 6 dicembre - Aggiornato alle 20:23

Perugia, finanziere di 52 anni si toglie la vita in caserma con l’arma di ordinanza

La tragedia lunedì mattina in via Palermo. Il militare lucano si è sparato mentre era da solo. Inutili i soccorsi

Il comando provinciale della gdf di Perugia in via Palermo

Un finanziere di 52 anni si è suicidato, lunedì mattina all’interno della caserma di via Palermo, dove si trova il comando provinciale di Perugia. Inutili i soccorsi dei commilitoni e del 118.

Cordoglio della gdf In una nota del comando regionale della gdf si sottolinea come l’appuntato scelto, originario della provincia di Matera, ma da molti anni in servizio a Perugia, «giunto come di consueto sul posto di lavoro, improvvisamente si appartava e si toglieva la vita con la propria arma di ordinanza». Nonostante gli immediati soccorsi da parte dei colleghi e del 118, alle 10 circa è deceduto all’ospedale di Perugia, dove era stato trasportato. Tutto il personale della guardia di finanza dell’Umbria – viene sottolineato – si stringe intorno alla famiglia del militare «stimato ed apprezzato da tutti».

Un anno fa l’altro suicidio Poco più di un anno fa un altro finanziere, in questo caso il colonnello Massimiliano Giua, in quel momento comandante provinciale della Guardia di Finanza di Terni, si era tolto la vita mentre era in ferie in provincia di Grosseto. Il corpo senza vita dell’ufficiale è stato notato in fondo a un dirupo da alcuni escursionisti sul monte Argentario, dove Giua aveva comandato le fiamme gialle prima di arrivare a Terni un anno prima.

I commenti sono chiusi.