Quantcast
martedì 15 giugno - Aggiornato alle 08:54

Ospedale di Perugia, sospesa dipendente: «Ha rubato molti soldi dalle borse di pazienti, famigliari e colleghi»

Una 45enne perugina è accusata dalla polizia del nosocomio di aver commesso almeno quattro furti

ospedale perugia
L'ospedale di Perugia

È stata sospesa dal servizio con l’accusa di essere l’autrice di almeno quattro furti all’interno dell’ospedale Santa Maria della misericordia di Perugia una operatrice socio sanitaria dipendente dell’Azienda ospedaliera. Il provvedimento, al termine delle indagini condotte dal posto fisso di polizia del nosocomio, è stato notificato nei giorni scorsi alla donna, una 45enne perugina, dopo l’ok del giudice per le indagini preliminari. Gli episodi andavano avanti da circa un anno e hanno visto come vittime i pazienti, i famigliari che li assistevano, una badante e pure il personale dell’ospedale; in tutti i casi però è stato notato un filo rosso: ogni volta nel reparto dove veniva messo a segno il ‘colpo’ era presente la 45enne, dettaglio che non è sfuggito alla polizia. Secondo la ricostruzione la donna, approfittando del proprio ruolo, si sarebbe appropriata di alcune somme di denaro dalle borse; furti dai quali vengono messi in guardia tutti coloro che frequentano l’ospedale anche attraverso cartelli appesi nelle stanze, dove si invitano le persone a non lasciare nulla di incustodito.

VIA TUTTI GLI AMBULATORI DA MONTELUCE ENTRO PRIMAVERA
LA NUOVA BREAST UNIT DELL’OSPEDALE
LE DONNE MEDICO IN UMBRIA: NUMERI E INFOGRAFICHE
A FOLIGNO SCOVATO DIPENDENTE ASSENTEISTA

La ricostruzione Il quadro indiziario a carico della donna viene definito «pesante»: c’era lei in servizio nella sala operatoria del reparto di Ortopedia quando a una dipendente che si stava cambiando sono stati rubati 150 euro dalla borsa lasciata incustodita; c’era lei anche nella sezione di trapianto di midollo osseo dove aveva chiesto di andare al bagno dei dipendenti e da dove, poco dopo, sono spariti 80 euro da un portafoglio; sempre lei era presente a Geriatria, reparto dove era stata temporaneamente assegnata e dove, secondo l’accusa, dopo aver fatto uscire tutte le persone dalla stanza per fare le pulizie, dalla borsa di una badante sono stati rubati 20 euro. Sempre a Geriatria un’infermiera è stata vittima del furto di 50 euro che teneva nel portafoglio. La 45enne ora, dopo la sospensione dal servizio, dovrà difendersi in un processo dalle accuse mosse dalla Procura della Repubblica di Perugia. All’interno del nosocomio quello della 45enne non è un caso isolato: nei mesi scorsi è stato arrestato un ladro seriale e nel settembre scorso altre due persone sono finite nei guai per episodi simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.