Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 gennaio - Aggiornato alle 06:10

Morto dopo incidente in mountain-bike: l’esperto della Procura ricostruirà lo schianto

Francesco Fiorucci ha perso la vita il 27 ottobre tra Santa Maria degli Angeli e Rivotorto

©Fabrizio Troccoli

di En.Ber.

Assegnato questa mattina all’ingegner Michele Fiorentini, consulente della Procura, l’incarico di svolgere «gli accertamenti necessari alla ricostruzione della dinamica del sinistro» in cui il 27 ottobre scorso ha perso la vita il ciclista Francesco Fiorucci morto tra Santa Maria degli Angeli e Rivotorto dopo essersi schiantato contro la recinzione che delimita un cantiere sulla ciclabile Spoleto-Assisi. Fiorentini svolgerà approfondimenti anche sulla «velocità» della mountain-bike, insieme «all’esame e all’ispezione diretta della bicicletta in sequestro», per poi concentrarsi sulla «porzione di area di cantiere e sul pannello metallico, anch’essi attualmente in sequestro e tutti in diretta connessione con il sinistro».

L’incarico Nel quesito il pm scrive che «vi è urgente necessità di procedere con gli accertamenti, i quali potrebbero presentare anche profili di irripetibilità, essendo in sequestro anche lo smartphone della vittima, suscettibile di collegamento con micro computer installato sul manubrio della bicicletta, il quale potrebbe fornire ulteriori elementi per la ricostruzione dell’accaduto e della sua dinamica». In questo procedimento penale sono indagate quattro persone, più nello specifico tre rappresentanti legali della ditta che sta eseguendo gli interventi e il responsabile dei lavori. Tra 60 giorni l’esperto depositerà la propria relazione tecnica.

I commenti sono chiusi.