Quantcast
mercoledì 29 giugno - Aggiornato alle 15:33

Indagato sindaco di Norcia: da procura ok a copertura del cantiere sequestrato

Arriva subito l’autorizzazione dei magistrati per la struttura polivalente non completata. Per togliere i sigilli si va al Riesame

Pm Patrizia Mattei

di Chiara Fabrizi

C’è l’autorizzazione della procura di Spoleto alla copertura del cantiere sequestrato ad Ancarano (Norcia). A confermarlo è stato l’avvocato Valentino Angeletti, che assiste il direttore dei lavori Riccardo Tacconi e, insieme all’avvocato Benedetta Pugnali, anche il presidente della Pro loco frazionale Venanzo Santucci, indagati al pari del sindaco Nicola Alemanno.

FOTOGALLERY: PM DI SPOLETO SI DIFENDONO
VIDEO: «NON FACCIAMO NOI LE LEGGI»
DENUNCIATI PER TRUFFA 58 FURBETTI DEL CONTRIBUTO
SOLIDARIETA’ BIPARTISAN
ANCARANO: CANDREVA DONA CAMPO DI CALCIO

Ok della procura a coperture anti danni I legali martedì mattina, come già riportato, hanno presentato istanza per ottenere il via libera dagli inquirenti a eseguire delle opere provvisionali a tutela del centro polivalente di Ancarano, che era in fase di realizzazione prima che i carabinieri forestali apponessero i sigilli, fermando le lavorazioni. Il timore, più che fondato, era di assistere al deterioramento della struttura con finalità sociali, ricreative e sportive, ma pure dei materiali stoccati nel cantiere finanziato con la solidarietà di alcuni privati. In questo senso, il pm Patrizia Mattei ha dato il via libera agli interventi nell’area sequestrata, che dovranno essere stabiliti ed eseguiti con la supervisione della polizia giudiziaria.

SECONDO PIANO RICOSTRUZIONE OPERE PUBBLICHE
TERZO PIANO RICOSTRUZIONE SCUOLE
RICOSTRUZIONE ARRIVA LA LEGGE REGIONALE
CASTELLUCCIO COVA LA PROTESTA

Si va al Riesame per il dissequestro Verosimilmente mercoledì, poi, gli avvocati Luisa Di Curzio e Massimo Marcucci, che assistono il sindaco Alemanno, depositeranno le memorie con cui il primo cittadino dettaglierà il percorso amministrativo nell’ambito del quale è stata autorizzata con ordinanza sindacale la struttura di Ancarano, confermando, contestualmente, la volontà di essere ascoltato dai magistrati. Intanto per il dissequestro del centro polivalente i quattro legali sono al lavoro per depositare entro venerdì il ricorso al Riesame, che poi avrà dieci giorni di tempo per fissare l’udienza.

@chilodice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.