giovedì 12 dicembre - Aggiornato alle 03:01

Grave malore in Perù per 62enne umbro: gara di solidarietà per farlo tornare a casa

Era in vacanza con la moglie, lo Stato ha messo in disposizione il volo ma servono soldi per l’allestimento sanitario

Piero Pacini

Grave malore in vacanza in Perù e scatta la raccolta fondi per farlo tornare in Umbria. Calvario per la famiglia di Piero Pacini, il narnese di 62 anni che, il primo ottobre scorso, dopo essere atterrato a Lima con la moglie, ha avuto bisogno di cure mediche per un improvviso malore. Da allora si tenta di organizzare il suo ritorno in Italia, mentre Piero è tuttora ricoverato nella capitale peruviana, in una clinica privata, dove ad assisterlo è soltanto la moglie.

Grave malore in Perù Non senza fatica i parenti hanno ricevuto supporto dal Consolato e dopo un mese di trattative si è riusciti a ottenere il volo di rientro. Il problema, però, è ora rappresentato dalle spese per l’allestimento sanitario dell’aereo e anche per il personale medico necessario a bordo, che  sono a carico della famiglia. In questo senso da Narni si è iniziata a tessere la rete di solidarietà per sostenere economicamente l’ingente spesa per il ritorno di Piero in Umbria. Ad aprire un conto corrente per le donazioni è stato il circolo Il Piantone di Cigliano, di cui proprio Piero è stato presidente per molti anni, che si è impegnato alla gestione della raccolta fondi, garantendo per trasparenza la pubblicazione periodica dell’estratto conto. Per chi volesse contribuire questo l’iban IT58Z0707572710000000721017 BCC Umbria intestato a Circolo Arci il Piantone con causale “Rimpatrio Piero Pacini”.

Gli aiuti Intanto sabato 23 e domenica 24 dalle 9 alle 19 i volontari di ‘Civitas Interamna’, il Gruppo Comunale della Protezione civile di Terni, saranno al gazebo allestito a largo Frankl di Terni insieme al Gruppo Comunale di Narni e di Ambulaife. «Avrà luogo una raccolta fondi per aiutare il nostro collega Piero Pacini. Grazie a chiunque passerà ed offrirà il suo, anche piccolo, contributo».

I commenti sono chiusi.