mercoledì 5 agosto - Aggiornato alle 01:02

Due arresti per sfruttamento della prostituzione, pretendevano la metà dei guadagni

Misura cautelare nei confronti dell’avvocato coinvolto nell’inchiesta per corruzione. Gli annunci anche online

di Chiara Fabrizi e Ivano Porfiri

Due arresti per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione di una giovane di nazionalità romena. I domiciliari sono scattati per l’avvocato Mauro Bertoldi, arrestato anche nell’inchiesta per corruzione della procura di Firenze, che sarebbe scaturita dall’indagine sulla prostituzione. Stessa misura cautelare è stata applicata anche a Olariu Vulpe, accusata insieme al professionista di dividersi parte dei profitti della connazionale, che si consumava in un appartamento di via Mario Angeloni e che veniva anche sponsorizzata online, con l’inserzione di annunci in un sito incontri.

Sfruttamento della prostituzione Gli arresti sono scattati con provvedimento del gip Valerio D’Andria e su richiesta della procura di Perugia, che ha coordinato le indagini dei carabinieri. In base all’accusa Olariu avrebbe preso metà dei guadagni della connazionale, a cui avrebbe riservato anche percosse nei casi in cui la giovane prostituta non rispettasse i tempi concordati coi clienti. L’avvocato Bertoldi, è l’accusa della procura di Perugia, avrebbe ricevuto da Olariu parte dei profitti derivanti dall’attività di prostituzione. Il professionista, secondo gli inquirenti, nelle giornate in cui Olariu era impegnata, avrebbe anche sostituito Olariu nel controllo e nella vigilanza dell’abitazione in cui la giovane prostituta esercitava.

@chilodice

 

I commenti sono chiusi.