Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 19 maggio - Aggiornato alle 07:56

Covid, in Umbria altri tre decessi e ricoveri stabili. Incidenza più alta tra i bambini

Il bollettino della Regione: 1.447 morti dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Nei reparti 48 persone

Fabrizio Troccoli

di D.B.

Sono tre i decessi causati in Umbria dal nuovo coronavirus nelle ultime 24 ore. Il totale, dopo i due del giorno precedente, sale quindi a quota 1444 dall’inizio dell’emergenza sanitaria. A riportarlo è il bollettino della Regione. «I deceduti – spiega Palazzo Donini – erano tutti affetti da più patologie, due di loro non erano vaccinati e uno vaccinato con due dosi».

SCUOLA, 34 CLASSI IN ISOLAMENTO

Il bollettino Stabile invece il quadro relativo ai ricoveri: 48 le persone nei reparti degli ospedali umbri (26 in quello di Terni e 22 in quello di Perugia), delle quali sempre cinque si trovano in terapia intensiva. Quanto ai nuovi contagi sono 86, trovati analizzando 2.103 tamponi molecolari e 4.084 antigenici, con un tasso di positività sul totale pari all’1,4%. Settantanove invece i guariti, con il numero degli attualmente positivi si attesta a quota 1.077, stabile rispetto al giorno precedente. Poco più di mille infine (1.029) le persone in isolamento contumaciale.

GRAFICI: IL CONTAGIO NELLE SCUOLE UMBRE

L’analisi Analizzando i dati dell’ultima settimana, il Nucleo epidemiologico regionale sottolinea che la curva epidemica continuano a mostrare un trend in diminuzione, con un’incidenza ogni 100 mila abitanti pari a 49, un valore simile a quello della settimana precedente. Guardando ai distretti, l’incidenza è pari a 51 a Terni, 85 a Orvieto, 22 a Narni-Amelia, 77 a Spoleto, 71 a Foligno, 35 in Valnerina, 24 in Alto Chiaschio, 57 nel Perugino, 39 nel Trasimeno, 80 ad Assisi, 24 nella Media Valle del Tevere e 35 in Alto Tevere. L’indice Rt, invece, è a quota 0,79. Quanto alle classi di età, i giovani continuano a essere i più colpiti: l’incidenza più alta, in particolare, si nota tra i bambini fra i tre e i dieci anni

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.