Umbria24.it

Vetrya a Orvieto dà segnali di crisi, sindacato: «Necessario tutelare l’occupazione»

«Una crisi che sta colpendo ancora una volta il nostro territorio e la nostra occupazione. Vetrya, una risorsa in termini di professionalità e tecnologia digitale, recentemente sindacalizzata, rischia un forte ridimensionamento». A denunciarlo in una nota sono la Fiom Cgil di Terni e la Cgil di Orvieto che sottolineano come i segnali della crisi si siano palesati nei mesi scorsi con la messa in cassa integrazione e la fuoriuscita di diversi lavoratori.

Vetrya «Apprendiamo ora dalla stampa che l’azienda ha annunciato di non poter più conseguire gli obiettivi prefissati e che le difficoltà si riscontrano anche con le quotazioni in borsa, segno anche questo che bisogna costruire basi solide nell’economia reale piuttosto che in quella finanziaria», affermano Fiom e Cgil. L’azienda italiana riconosciuta come realtà leader in Italia per lo sviluppo di servizi digitali che nel 2017 si confermava uno dei migliori ambienti lavorativi, piazzandosi al terzo posto per il Great place to work, e che nel 2020 aveva progettato un app per il tracciamento dei contagi Covid giunta sul tavolo del premier Conte, dà segnali poco positivi: «Seguiremo l’evolversi della situazione – concludono dal sindacato – e metteremo in campo tutte le iniziative necessarie per tutelare le lavoratrici e i lavoratori che vedono in pericolo la loro situazione occupazionale».