Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 02:57

Umbria pronta per la terza dose, sono in 65mila. Assessore favorevole anche per i caregiver

Come siamo messi con il covid in Umbria: i numeri. Incognita scuole: percentuale bassa e rischio focolai

©Fabrizio Troccoli

di Maurizio Troccoli

L’Umbria è pronta a somministrare la terza dose ai fragili. E’ quanto conferma l’assessorato regionale alla Salute, a Umbria24. Si tratta di circa 7o mila persone, precisamente poco meno, 65mila. E’ la risposta affermativa che la nostra regione fa giungere anche al Governo visto l’orientamento espresso. Si attendono solo le formalità del caso, ovvero che venga data precisa disposizione dal ministero della Salute alle regioni. Intanto è stato avviato il lavoro ricognitivo che, questa volta, è agevolato, tenuto conto della mappa compiuta per l’individuazione dei pazienti fragili, per l’immunizzazione.  Ci si può dire pronti soprattutto perché siamo nella fase in cui le dosi di vaccino iniziano a essere maggiormente disponibili.

Le dosi disponibili Dagli ultimi dati emerge che nelle riserve dell’Umbria ci sono circa 126 mila dosi disponibili. E’ la differenza tra le circa 1 milione 300 mila dosi consegnate (precisamente 1.326.654) e 1,2 milioni inoculate (1.200.258). La metà circa delle dosi disponibili attualmente, andranno a chi è già prenotato, vale a dire 63.256 persone, mentre la rimanenza potrebbe essere sufficiente ad avviare la terza vaccinazione ai fragili. Si partirà dai più vulnerabili, coloro cioè che hanno il sistema immunitario maggiormente fragile. E sono gli immunodepressi, i trapiantati, i pazienti oncologici, dializzati, ovvero coloro che hanno meno riserve di anticorpi della vaccinazione compiuta e quindi necessitano di un richiamo.

Anche i caregiver Da quanto ha raccolto Umbria24, la Regione, sarebbe orientata a inserire, immediatamente dopo, per la terza dose anche i caregiver. L’intenzione è quella di creare una doppia protezione per il vulnerabile. Da un lato schermarlo con una terza dose, dall’altro, rafforzare l’immunizzazione anche di chi gli è più prossimo. Ragionamento che, ancorché, logico deve fare i conti con le diverse posizioni che esistono circa la priorità dei soggetti eventualmente da sottoporre a terza dose. Attestato che gli estremamente vulnerabili sono la priorità assoluta per tutti, per la loro insufficiente capacità di tenere alta l’immunizzazione.

Quanti immunizzati in Umbria Intanto nell’ultima giornata 3.690 umbri hanno fatto la seconda dose, portando la nostra regione a quota 567.170 persone che rappresentano, il 73,47 per cento di coloro che possono vaccinarsi. Altri 1.106 hanno invece ricevuto la prima dose nelle ultime 24 ore.

Scuole Qualche sforzo in più va compiuto nell’ambito della scuola cercando di arginare il rischio concreto di qualche focolaio. E’ una percentuale piccola quella del 26,9% dei giovani tra 12-19 che ha completato il ciclo, con una quota della prima al 62,6%.

Bollettino Ci sono circa 70 attuali positivi al covid in meno e altrettanti nuovi positivi in tutta l’Umbria nelle ultime 24 ore. Rispettivamente, per la precisione, -69 e +77, per un totale di infetti registrati di 1.508. Negli ospedali risultano occupati due posti letto in più, arrivando a 59, di cui 6, come martedì, in terapia intensiva. Il tasso di positività è all’ 1,17%, leggermente in meno rispetto all’1,29 del giorno precedente. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.309 tamponi e 4.266 antigenici.

I commenti sono chiusi.