Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 28 settembre - Aggiornato alle 16:33

Terni 2410, DustyEye viaggia nel futuro e scruta l’amicizia uomo-macchina

Flyer in città per gli androidi nel mondo, sensibilizzazione pagata in Ukron: «La moneta che non ha mai creato conflitti»

 

di M.R.

Messaggi di pace e solidarietà verso gli androidi. Una vera e propria campagna di sensibilizzazione quella avviata la scorsa settimana a Terni, città che attraverso Ermes Maiolica ha dato i natali al Dipartimento europeo per la tutela degli androidi.

DustyEye Centinaia e centinaia di volantini sparsi per la città rimandano proprio ai temi dell’intelligenza artificiale, della robotica e della roboetica tanto cari agli amici del Deta. Sono il segno del passaggio del collettivo artistico ‘DustyEye’ che, attraverso il portavoce Jacopo ha portato il suo messaggio di pace verso l’intelligenza artificiale sul palco del film festival Popoli e religioni sabato 29 maggio, raccontando del futuro dal quale ha detto di provenire dopo un viaggio nel tempo grazie ad una speciale macchina donata in forma anonima. Lo stesso collettivo di ‘viandanti tra le pieghe del tempo’ ‘è riuscito a scoprire’ che N°44 V864.962 il primo androide emotivamente avanzato vedrà la luce solo nel 2292 e nel 2410 sarà a Terni. Una targa per celebrare l’evento è stata affissa su un legno al parco La Passeggiata, reperto dal futuro.

Viandanti nel tempo «Questo viaggio nel tempo – ha spiegato l’esponente del DustyEye – si svolge attraverso una piccolissima macchina che permette di trovarsi in momenti della storia futura particolarmente densi di significato come se il tempo avesse dei poli magnetici che attraggono; io non ho la pretesa di vedere il futuro ma solo uno dei molti futuri possibili visito che altrimenti si negherebbe il libero arbitrio e negare il libero arbitrio è una cosa estremamente arrogante penso ma questo futuro è così brillante e luminoso soprattutto perché umanità e intelligenza artificiale hanno stretto amicizia c’è un rapporto di fratellanza alla faccia di Terminator e Matrix e tutta quella produzione fantascientifica che ci ha raccontato un domani di conflitto tra uomo e macchina. C’è un rapporto di amicizia quindi il messaggio è assolutamente positivo ma mi sono anche detto in questi anni l’intelligenza artificiale sta muovendo i primi passi quindi sta anche imparando quello che sarà il rapporto con l’essere umano e se noi continuiamo a raccontare un domani di conflitto naturalmente quando vedrà la luce un pensiero sintetico si troverà in una posizione antagonista contro l’umanità motivo per cui se avete girato per Terni in questi giorni sono stati appesi migliaia di flyer con messaggi di fratellanza tra uomo e macchina».

ZED ROBOT SHOW AL TERNI FILM FESTIVAL

Androidi ‘Siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti gli algoritmi’ è un esempio. «Si tratta – ha spiegato ancora Jacopo – di un invito a non maturare un senso di antagonismo verso le macchine. Quello che sono qui a chiedervi oggi è di farvi a vostra volta portavoce di questo messaggio di fratellanza tra umanità e intelligenza artificiale nell’interesse di tutti ma visto che non si chiede mai un favore senza dare nulla in cambio mi sono permesso di portare qualche migliaio di Ukron (un singolo Ukron vale 1.123,58 euro) una valuta dalla l’anno 2504. Li faccio girare tra i presenti in sala, all’interno di due e consideratelo un pagamento anticipato. Abbiate solo la cura di lasciarne un po’ per tutti perché ad oggi questa banconota ha il primato di essere l’unico denaro che non ha mai causato conflitti e guerre, cerchiamo di non perdere questo primato proprio questa sera, grazie». Chissà insomma che questa riflessione non spinga a migliori e più sani rapporti intanto tra gli umani.

I commenti sono chiusi.