lunedì 23 settembre - Aggiornato alle 02:39

Ruspe al parco di Villalago: «Venite a vedere lo scempio». Melasecche invia i carabinieri forestali

Proprietà della Provincia di Terni, da anni in gestione ma chiusa: la messa in sicurezza degli alberi fa discutere

 

«Vorrei portare alla vostra attenzione lo scempio che si sta perpetrando nel parco di Villalago, a Piediluco, frazione lacustre del comune di Terni». Inizia così l’accorato appello di un residente in zona, rivolto ala stampa, agli enti e ai cittadini tutti perché si verifichi di persona quanto sta avvenendo.

Villalago «Il parco monumentale – denuncia l’uomo – viene trattato alla stregua di un bosco ceduo. È iniziato un paio di anni fa, quando ci si è resi conto che sarebbe stato necessario mettere in sicurezza alcuni alberi pericolanti. Hanno devastato un bosco meraviglioso tagliando tutto, sia per il legname da costruzione che per la legna da ardere. I mezzi cingolati hanno devastato diverse strade interne. I cittadini non possono più usufruire del meraviglioso parco che circondava la villa del Barone Franchetti, di proprietà della provincia di Terni. Fino a qualche anno fa venivano organizzati spettacoli e concerti all’aperto, Umbria Jazz nacque proprio qui ed ora è ridotto in condizioni pietose».

Palazzo Spada Per evitare che possa essere ulteriormente danneggiato il parco, il Comune di Terni, per quanto di sua competenza visto che la proprietà è della Provincia, vuole indagare sugli interventi in corso. L’assessore Melasecche, sulla scorta di quanto prescritto alla società Delta (che ha in gestione il parco) dall’ente, tramite relazione tecnica degli uffici competenti, ha chiesto a questi ultimi di formulare una richiesta di sopralluogo ai carabinieri forestali.

I commenti sono chiusi.