Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 2 marzo - Aggiornato alle 00:18

Riserva Unesco del Peglia, nasce un canale informativo sui cambiamenti climatici

Il presidente Francesco Paola: «Contrasto alla disinformazione è parte integrante dell’Agenda 2030»

Foto Anders Hellberg (https://commons.wikimedia.org/w/index.php?title=User:Anderspangpang&action=edit&redlink=1)

La Riserva della Biosfera Unesco del Monte Peglia lancia il progetto per l’istituzione di un canale informativo per assicurare corretta e seria informazione sul tema dei rischi alla salute da mutamenti climatici. «Il contrasto alla disinformazione sul tema – dichiara il presidente Francesco Paola – è parte integrante dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite ed anzi ne costituisce priorità strategica ed essenziale».

Contro la disinformazione «In cooperazione con il dipartimento di Sanità pubblica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e con l’Istituto Superiore di Sanità, la Riserva della Biosfera Unesco del Monte Peglia ha come è noto promosso e trasferito nelle Sedi proprie il progetto di una Scuola su “Mutamento climatico e salute umana”, temi per la Riserva Mondiale centrali – ricorda Paola -. Ed ebbi modo di evidenziare, già nello scorso agosto, l’impegno che la Riserva si propone per affermare una rinnovata centralità alla informazione indipendente obiettiva e autorevole sulle conseguenze dei mutamenti climatici sulla salute umana. Posso perciò confermare che la Riserva intende promuovere con le dovute cooperazioni istituzionali un servizio di informazione di medici giornalisti e studiosi rivolto ai cittadini e alle imprese il quale evidenzi, in stretto raccordo con la ricerca scientifica i rischi e le opportunità dell’attuale fase, aiuti il diffondersi di cultura e consapevolezze serie e aiuti a fare aprire gli occhi sulla disinformazione che può causare nella attuale fase anche dei morti. Non v’è dunque ricorrenza migliore, nel ribadire questo nostro fermo proponimento, che quella del ventisette gennaio che è il giorno del ricordo della Shoah: che è il giorno della consapevolezza sull’abiezione antisemita ma anche sugli anticorpi che aprire gli occhi sui tali fatti può significare. Non v’è nulla di più urgente della edificazione di sistemi di prevenzione dai rischi per la salute umana derivanti dai mutamenti climatici e di essi una informazione seria e obiettiva indipendente e autorevole è uno dei cardini. Con Primo Levi noi su questo oggi 27 gennaio 2021 perciò diciamo: “se non ora quando?”».

I commenti sono chiusi.