lunedì 17 febbraio - Aggiornato alle 18:06

Riserva Unesco del Monte Peglia, va avanti progetto di ampliamento ad Allerona: «Obiettivo includere anche il Trasimeno»

Presentato il nuovo accordo nella giornata del 4 novembre. Il presidente Paola: «Disseminare sensibilità e partecipazione». Ingresso nel Cda

Un'area del Monte Peglia

«I processi partecipativi che si stanno creando ai fini dell’ampliamento della Riserva, in accordo con il suo Piano di gestione e di governance mostrano un alto senso di attaccamento alle Istituzioni della Repubblica, tanto più simbolici il 4 novembre, nel ricordo di quanti sacrifici sono occorsi per l’Unità d’Italia e l’idea d’Europa». Ad affermarlo il presidente della Riserva della Biosfera Unesco del Monte Peglia, lavvocato Francesco Paola, in occasione della presentazione dell’inclusione di Allerona nella Riserva.

Obiettivo includere il Trasimeno «Credo abbia anche questa valenza – aggiunge Paola – la formazione di questa comunità viva e creativa composta insieme dall’operaio, dal direttore scolastico, dagli operatori sociali e da altri ancora. Il Progetto di ampliamento della Riserva, curato e coordinato dal soggetto gestore Associazione Monte Peglia per Unesco si propone gradualmente di disseminare sensibilità ed emancipazione, valorizzando nel caso concreto con il tempo ed il complesso procedimento istruttorio necessario il comprensorio di Allerona, Villa Cahen, e ciò ai fini gradualmente dell’ampliamento all’intera area del Trasimeno, così come espressamente menzionato anche nel recente accodo con il Gal Trasimeno Orvietano». Il Comitato di Allerona, presieduto dall’avvocato Paola, è in ordine alfabetico così composto:

1) Bellezza Danilo, tecnico/amministrativo presso Dipartimento di Prevenzione Usl Umbria2, già assessore al Patrimonio ed all’Ambiente del Comune di Allerona;
2) Bannella Erika, Perito Agrario;
3) Battistacci Jacopo, Laurea Magistrale in Filosofia presso Università degli Studi di Roma “La Sapienza”;
4) Crespi Bernardo, Laurea Magistrale in Conservazione e Restauro dell’Ambiente Forestale e Difesa del Suolo, Imprenditore agricolo professionale;
5) Fatiganti Paolo, Laurea In Lingue e Letterature Straniere, Acquisizione di varie specializzazioni e varie esperienze lavorative, Dirigente Scolastico;
6) Fini Rita, Laurea in Sociologia, esperienza lavorativa presso Ministero delle Finanze, varie attività di volontariato;
7) Gilibini Maura, Laurea in Pedagogia, Insegnante di scuola primaria, già assessore presso il Comune di Allerona, Presidente dell’Associazione dell’Ecomuseo del Paesaggio Orvietano;
8) Giovannini Gianpaolo, Laurea In Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo e la Pace, varie specializzazioni, Dirigente di Impresa Sociale;
9) Luciani Massimo, Tecnico delle Industrie Elettriche ed Elettroniche, varie specializzazioni, collabora nella realizzazione di progetti sull’ambiente, la natura ed il paesaggio, Presidente dell’Associazione “Il Ginepro”;
10) Mancini Alessio, Laurea Magistrale in Storia Europea, varie specializzazioni, Docente di Italiani, Storia e Geografia, Ricercatore storico;
11) Piccioni Giulia, Laurea specialistica in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività culturali presso l’Università Cà Foscari di Venezia;
12) Vagni Andrea, Laurea in Architettura, Presidente dell’Associazione “Nuova Pegasus”che ha come scopo principale quello della divulgazione dell’Astronomia e del pensiero scientifico.

Ingresso nel Cda Il dottor Valerio Giungi dottore commercialista e Revisore dei conti e attualmente Consigliere di Amministrazione della finanziaria Gepafin SPA partecipata della Regione Umbria è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione dell’Associazione riconosciuta Monte Peglia per Unesco soggetto gestore della Riserva Mondiale della Biosfera Unesco del Monte Peglia. “Valerio Giungi è professionista indipendente e di elevato livello e ha svolto le funzioni di Segretario del Comitato promotore della istituzione della Riserva per tutto il corso dell’istruttoria” – ha dichiarato l’avvocato Francesco Paola Presidente della Riserva – “La Riserva aggrega e promuove nei contesti dell’attuale diffusa sfiducia ed immobilismo messaggi positivi e di valorizzazione delle consapevolezze e dei beni ambientali decisivi per lo sviluppo della società e per le future generazioni, nell’attuazione dei principi dell’Unesco”. Valerio Giungi assume nel Consiglio di amministrazione del soggetto gestore della Riserva la delega alla valutazione dei presupposti della concessione delle licenze del Marchio che identifica la Riserva alle imprese ed attività produttive .

I commenti sono chiusi.