Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 16 giugno - Aggiornato alle 00:32

Pista ciclabile tra Borgo Rivo e il centro di Terni: scelto il percorso ‘La rapida’

La giunta approva il progetto di fattibilità che collega le due parti di città. Salvati: «Intervento fondamentale»

Ok dalla giunta comunale di Terni al progetto di fattibilità per la nuova pista ciclabile tra Borgo Rivo e Terni centro. «Si tratta di un intervento fondamentale che andrà a ricucire attraverso la mobilità dolce lo strappo che storicamente separa il centro dai popolosissimi quartieri Nord e che potrà consentire a migliaia di cittadini ternani di spostarsi con le bici tradizionali ed elettriche contribuendo a decongestionare il traffico in entrata e in uscita», dichiara in una nota l’assessore ai Lavori pubblici Benedetta Salvati. 

Il progetto «Avevamo a disposizione 50mila euro da parte del Mit per la progettazione e i tecnici incaricati ci hanno proposto un progetto di fattibilità tecnico economica con tre soluzioni diverse, ovvero con tre itinerari ciclopedonali, complementari tra loro, in quanto, seppur con caratteristiche totalmente differenti, hanno in comune lo stesso punto di arrivo, ovvero piazzale Caduti di Montelungo. Ad ogni percorso è stato abbinato un nome». I tre percorsi si chiamano infatti La dolce, La rapida e La fluida. La dolce è il tracciato più esteso (5,1 km), una piccola ciclovia periurbana, che si estende dalla zona nord/ovest di Borgo Rivo, dove Via del Rivo diventa strada di Gabelletta, nelle vicinanze della rotonda di via delle Terre Arnolfe e via Augusto Dall’Olio, fino allo slargo di fronte al cimitero comunale/piazzale caduti di Montelungo.
La Fluida è un itinerario centrale rispetto agli altri due, di dimensione media (2,2 KM ca) che si estende dalla zona centrale di Borgo Rivo rappresentata dalla piazza del nucleo abitativo, luogo ricco di attività commerciali e uffici e termina sempre di fronte il Cimitero  comunale/piazzale Caduti di Montelungo.  La Rapida è l’itinerario più veloce e corto, complessivamente sempre di dimensione media (2,8 km ca), che assicura il raggiungimento di Via Bramante/zona Fiori con poco più di 700 ml (tratto T1 o “Superciclabile di Borgo Rivo”) e poi di seguito il piazzale di MediaWorld/area di Via Battisti (tratto T2), per terminare anch’esso sempre di fronte il Cimitero comunale/Piazzale Caduti di Montelungo. L’intervento più idoneo è stato individuato in quello chiamato “La Rapida” per le sue caratteristiche di velocità e sicurezza che dovrebbero attirare un maggior numero di utenti con notevole abbattimento di emissione di CO2 e contemporanea riduzione dei livelli di inquinamento, aumentando così la mobilità sostenibile con tutti i benefici ad essa connessi. «Anche gli altri itinerari proposti – sottolinea l’assessore Salvati – sono molto interessanti e non escludiamo di poterli realizzare in fasi successive. Per il momento ci concentriamo sulla Rapida. L’opera da realizzare è inserita nell’annualità 2021 del programma triennale delle opere pubbliche 2021/2023 approvato nelle scorse settimane. Adesso si tratterà di sviluppare i successivi livelli di progettazione del tratto T1 del percorso denominato e – allo stesso tempo – procederemo all’invio dell’avvio del procedimento a tutti i soggetti interessati».

I commenti sono chiusi.