Quantcast
sabato 22 gennaio - Aggiornato alle 21:04

Perugia, la «Circoscrizione 4.0» sbarca in altri tre quartieri. Il progetto del «Makers cafè» di Monteluce

I nuovi servizi dopo Ponte Felcino anche nella Nuova Monteluce, a San Sisto e a Madonna Alta

La Circoscrizione 4.0 di Ponte Felcino (foto F.Troccoli)

di Daniele Bovi

Il progetto «Circoscrizione 4.0» si amplia e sbarca anche in altri tre importanti quartieri di Perugia. Tutto parte dal progetto «Digipass» della Regione, che con uno stanziamento di 2,4 milioni sta lavorando all’apertura di dieci luoghi, dotati delle tecnologie necessarie, dove i cittadini, aiutati da personale preparato, possono accedere a una serie di servizi digitali: dalla prenotazione di una visita a un pagamento online, dall’iscrizione dei bambini a scuola ad altri servizi privati come l’home banking, l’acquisto di prodotti o la gestione di profili social. Per i due capoluoghi di provincia però, che possono beneficiare di 675 mila euro, c’è un passo in più, ovvero la realizzazione di progetti ulteriori tali da rendere gli spazi del Digipass un vero e proprio «community hub».

L’APERTURA DEL «DIGIPASS» A GUBBIO 

MONTELUCE, A PASQUA RIAPRE CAPPELLA INFERMI

Monteluce A Perugia gli spazi individuati sono quelli, a disposizione dell’Adisu, all’interno della Nuova Monteluce dove proprio sabato mattina sarà inaugurato il nuovo studentato (il 28 toccherà alla clinica di Porta Sole). In collaborazione con la Regione qui sarà realizzato, oltre al Digipass, un «makers cafè» allo scopo di «realizzare – spiega a Umbria24 l’assessore allo sviluppo economico Michele Fioroni – un concetto nuovo di fablab comunale». Fablab che, per chi non conoscesse progetti simili, è una sorta di piccola ‘officina’ che offre servizi personalizzati per la fabbricazione digitale: «Qui ci saranno attività – continua Fioroni – legate soprattutto alla progettazione, ai brevetti, e alla stampa digitale; il tutto con l’obiettivo di stimolare una comunità di maker».

VIDEO:  LA NUOVA «CIRCOSCRIZIONE 4.0»

Makers cafè Per mettere a punto il «makers cafè» sono in corso delle interlocuzioni con alcuni esperti del settore e, quando sarà inaugurato, potrà entrare in rete con altri progetti come la biblioteca degli Arconi, il centro per la grafica avanzata che sarà fatto a Fontivegge e il nuovo coworking sotto l’ex Upim. Oltre ai servizi Digipass poi a Monteluce dovrebbero arrivare anche quelli universitari legati in particolar modo alle segreterie. Nell’ambito del finanziamento regionale da 405 mila euro a favore del Comune, Palazzo dei Priori ha deciso di portare i servizi della «Circoscrizione 4.0», attivata in via sperimentale nei mesi scorsi a Ponte Felcino, anche a Monteluce, ma non solo. L’Amministrazione infatti ha individuato per le nuove aperture anche San Sisto (negli spazi comunali di piazza Cecilia Coppoli) e Madonna Alta (in via Diaz).

ECCO COME FUNZIONA LA «CIRCOSCRIZIONE 4.0»

Circoscrizione 4.0 In particolare l’area di San Sisto viene considerata strategica vista la vicinanza di Sant’Andrea delle Fratte, dove c’è la più grande area industriale della regione e quindi molte imprese che potrebbero beneficiare dei nuovi servizi. A Ponte Felcino in via sperimentale ne erano stati attivati alcuni come quelli connessi alle pratiche edilizie, al mondo del commercio e all’anagrafe, ma nei prossimi mesi il ventaglio sarà più ampio. A Ponte Felcino, spiega Fioroni, i numeri sono ancora bassi «ma si tratta di un progetto pilota. Perugia però è in prima linea sul fronte dell’innovazione tecnologica legata alla PA, tanto che anche la giunta di Roma e quella di Latina hanno voluto vedere come funziona».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.