Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 2 luglio - Aggiornato alle 19:39

Nodino, istituito il comitato «Salviamo Collestrada». Il 2 maggio protesta lungo il tracciato

A presiedere il consiglio direttivo l’avvocato Simonetta Cianetti: «No a progetto inutile che devasterebbe il territorio»

Parte del progetto per il Nodino

di D.B.

È stato costituito ufficialmente la scorsa settimana il comitato «Salviamo Collestrada», con al vertice del consiglio direttivo Simonetta Cianetti. Il comitato nasce dopo i diversi incontri che si sono tenuti nelle settimane passate e ha al centro delle sue attività l’opposizione al cosiddetto Nodino di Perugia, la variante di 7 km che dovrebbe collegare Collestrada a Madonna del Piano. Del progetto hanno discusso venerdì sindaci, Regione e partiti dal centrodestra: una riunione politica che pare aver sostanzialmente stoppato il Nodino.

IL CENTRODESTRA STOPPA IL NODINO

NODINO, IL NO DEI COMITATI

Obiettivi In attesa di capire cosa succederà sul fronte della viabilità (il 5 maggio è previsto un incontro con Anas in cui si discuterà anche del maxi ampliamento del centro commerciale) il comitato si pone sostanzialmente due obiettivi: «Opposizione alla realizzazione dell’infrastruttura così come ipotizzata», «valutazione e promozione di proposte alternative» e azioni di tutela dell’ambiente e del territorio.

VIA A REDAZIONE PROGETTO, SERVONO 150 MILIONI

IKEA A PERUGIA, STORIA DI UN NAUFRAGIO

Il No Le ragioni del No sono quelle di cui si parla ormai da mesi: il progetto del Nodino «contrasta con le valenze paesaggistiche, ambientali e architettoniche dell’area di Collestrada», tutelata a livello regionale (dal Piano di gestione del Sito di importanza comunitaria) e nazionale da un decreto (del 1962) e da una legge (del 92) che proteggono la collina e il borgo di Collestrada. Quanto alle alternative, i progetti dovrebbero tenere conto dei flussi di traffico, dato che la variante inciderebbe solo sul 15% di quelli lungo la E45.

PONTE SAN GIOVANNI, CENTRO VACCINALE APRIRÀ DOPO IL 20

Manifestazione Il comitato tra gli altri compiti si è dato anche quelli di «informare capillarmente la popolazione», garantendone la partecipazione, promuovendo campagne di sensibilizzazione e partecipando a incontri e tavoli. Sul fronte della protesta, la manifestazione convocata per il 18 aprile è stata spostata al 2 maggio alle 16, quando si terranno «presidi su tutte le aree interessate dal progetto contestato nel rispetto della emergenza sanitaria». Chi vuole aderire al comitato o chiedere informazioni può scrivere una mail a [email protected]

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.