Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 28 maggio - Aggiornato alle 18:58

Lotta alla corruzione in Europa e il contributo della ricerca: l’appuntamento di Perugia

Approfondimento anche sull’esperienza dell’Anac, partendo dal libro di Cantone e Parisi ‘L’Autorità nazionale anticorruzione e la vita di relazione internazionale’

Due intense giornate di studio e confronto fra varie esperienze per approfondire il tema della corruzione e dell’anti-corruzione in Europa, con un’attenzione particolare ai Paesi dell’area balcanica. Il convegno internazionale “Corruption and anti-corruption in Europe”, promosso dal dipartimento di Scienze politiche, si è svolto nei giorni scorsi nella sede di via Pascoli dell’Università degli Studi di Perugia, sia in presenza sia online. La prima giornata dell’incontro è stata organizzata nell’ambito del progetto Prin politicanti – The politicisation of corruption and anticorruption strategies in Italy, coordinato a livello locale da Rita Marchetti. Un progetto che punta a indagare la politicizzazione della corruzione e delle iniziative di anti-corruzione attraverso un approccio multidisciplinare. Il dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Perugia è una delle quattro unità di ricerca coinvolte in questo percorso, insieme all’Università di Pisa, La Sapienza Università di Roma e l’Università Cattolica di Milano (maggiori info sul progetto al sito politicanti.sp.unipi.it). Durante la due-giorni, c’è stata anche l’occasione per riflettere sul tema dell’anti-corruzione in Italia con uno sguardo europeo, partendo dal volume ‘L’Autorità nazionale anticorruzione e la vita di relazione internazionale’ (2021) di Raffaele Cantone e Nicoletta Parisi.

La seconda giornata dell’appuntamento dell’Università di Perugia rientrava nell’ambito del progetto “Administrative Prevention through Targeted Anti-corruption Models for candidate countries”, cofinanziato dal programma dell’Unione europea Hercules III e coordinato dal prof. Enrico Carloni (dipartimento di Scienze politiche). Le sessioni della seconda giornata si sono concentrate proprio sulle principali sfide, tra allargamento e democratizzazione, per un’area come quella balcanica, di primario interesse per l’Unione europea.

Nel video, le interviste a:
– Enrico Carloni, direttore del Centro Studi Lepa – Legality and Participation
– Raffaele Cantone, già presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione e attuale procuratore della Repubblica a Perugia

I commenti sono chiusi.