Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 17 settembre - Aggiornato alle 21:27

Iss: «In Umbria su 77 tamponi, 41 di variante Brasiliana e 22 Inglese»

Arrivati i primi risultati dei sequenziamenti dall’Istituto superiore di sanità. L’incidenza delle varianti supera l’80%

Un laboratorio (Louis Reed-Unsplash)

di Maurizio Troccoli

Si fa sempre più strada l’opzione del prolungamento della zona rossa all’interno della Regione Umbria dopo che sono arrivati i primi risultati dei nuovi campioni sequenziati dall’Istituto superiore di sanità. Si conferma cioè una forte circolazione del virus mutato in Umbria. Lo dicono i primi 77 campioni provenienti da 5 laboratori dell’Umbria affidati all’Iss.

VERSO LA ZONA ROSSA

Lo studio Nello studio di prevalenza dedicato alla nostra regione «sono stati analizzati i primi 77 campioni: 41 di questi hanno un profilo genetico identificabile con la variante brasiliana e 22 con quella inglese». E’ quanto riporta in una nota la Regione Umbria. Si è provato ancora una volta a fotografare l’andamento del contagio nella nostra regione, determinato, favorito o coincidente con la presenza delle varianti. Le notizie circolate nei giorni trascorsi sono andate dai picchi di oltre il 50% per l’Umbria (in occasione del primo sequenziamento di tutte le regioni) a un 17%, in linea con il dato nazionale medio che è del 18%, secondo quanto ha dichiarato la professoressa Mencacci del laboratorio di Microbiologia. Se i dati di oggi fossero un campione rappresentativo del contagio in Umbria, l’incidenza delle varianti, sarebbe pienamente superiore all’80 percento (81%, ovvero 63 tamponi su 77 con variante). Indicando quindi che è in corso una sostanziale sostituzione del virus precedente, con quelli mutati.

TASSO OGNI 100 MILA ABITANTI: DATI COMUNE PER COMUNE

VACCINAZIONI ANTI COVID: DATI GIORNO PER GIORNO

La conferma «Questi dati, da aggiungere a quelli che già avevano confermato l’intuizione del laboratorio di riferimento regionale, del Nucleo epidemiologico e del Comitato tecnico scientifico, sottolineano – è scritto ancora nella notadella Regione  – che le varianti circolano in maniera diffusa su tutto il territorio regionale».

INTERATTIVO:COVID-19, MORTALITÀ DELLA SECONDA ONDATA: MAPPA DEI COMUNI

 

I commenti sono chiusi.