Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 27 gennaio - Aggiornato alle 05:41

E’ morto l’arcivescovo emerito di Perugia Città della Pieve Giuseppe Chiaretti

È stato vicepresidente della Cei per l’Italia centrale e presidente della Conferenza episcopale umbra

E’ morto monsignor Giuseppe Chiaretti, arcivescovo emerito di Perugia – Città della Pieve. Il presule, che aveva 88 anni, nelle scorse settimane era stato ricoverato a Perugia per una grave insufficienza respiratoria.

Nato a Leonessa, era stato parroco a Vallo di Nera e poi vescovo a San Benedetto del Tronto, prima di essere indicato alla guida della Curia di Perugia Città della Pieve. Incarico che aveva lasciato nel 2009, presentando a Papa Benedetto XVI la rinuncia per sopraggiunti limiti di età. Ruolo poi assunto da Gualtiero Bassetti. È stato vicepresidente della Cei per l’Italia centrale e presidente della Conferenza episcopale umbra. Inoltre è stato membro del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani. Molto conosciuto anche a Spoleto, dove ha insegnato per molti anni.

Il ricordo della Curia spoletina A dare la conferma della triste notizia la diocesi di Spoleto-Norcia, di cui era originario. «Ricordiamo che mons. Chiaretti è ‘figlio’ della Chiesa di Spoleto-Norcia nella quale ha svolto vari ministeri, in ultimo quello di vicario generale fino al 1983».

Presidente Tesei «Ho appreso con grande tristezza la notizia della morte di Monsignor Giuseppe Chiaretti. Vorrei esprimere il mio personale e profondo cordoglio, e quello di tutta la Giunta regionale, per il lutto che ha colpito la ‘chiesa umbra’». E’ quanto afferma la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, che ha voluto manifestare «grande vicinanza» ai familiari di monsignor Chiaretti ed alla comunità cattolica umbra che «con lui perde un instancabile testimone della missione evangelica e pastorale. Un pensiero particolare va all’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve, di cui monsignor Chiaretti è stato, per molti anni, preziosa guida».

Ceu La Conferenza Episcopale Umbra ricorda con «ammirazione e gratitudine il lungo ministero episcopale dell’arcivescovo Giuseppe Chiaretti nella diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto prima e di Perugia-Città della Pieve poi, facendo memoria anche del suo servizio alle Chiese che sono in Italia come vice presidente della Conferenza episcopale italiana e a quelle umbre come presidente della Conferenza episcopale regionale. «Uomo di fede e di cultura, sapiente educatore – ricorda l’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Ceu mons. Renato Boccardo -, lascia un segno indelebile in coloro che sono stati suoi alunni e collaboratori, così come nelle parrocchie che lo hanno avuto come pastore e nella diocesi di Spoleto tutta che ha servito come Vicario generale dell’arcivescovo Ottorino Pietro Alberti».

Bassetti «Siamo molto addolorati per la perdita del nostro confratello Giuseppe. L’intera comunità diocesana accompagna con la preghiera il suo pastore nel cammino verso la Casa del Padre, affidandogli la protezione della sua amata Chiesa perusino-pievese. Il prossimo 8 dicembre avrebbe compiuto 66 anni di sacerdozio e sappiamo quanto a lui stesse a cuore il ministero sacerdotale vissuto in pienezza e nella totale devozione alla Beata Vergine Maria. Esprimiamo a nome dell’intero Presbiterio diocesano il nostro profondo cordoglio alla famiglia e a quanti l’hanno conosciuto, stimato e voluto bene come uomo, pastore e servitore fedele del Vangelo di Cristo». Così il cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei Gualtiero Bassetti, insieme al suo vescovo ausiliare mons. Marco Salvi, nell’apprendere la notizia della morte del suo predecessore, l’arcivescovo emerito mons. Giuseppe Chiaretti, avvenuta poco dopo le ore 13 di giovedì 2 dicembre, nella Residenza protetta “Fontenuovo” di Perugia dove l’anziano presule era stato accolto dalla scorsa estate e poche sere fa aveva ricevuto la visita del cardinale Bassetti unendosi a lui in preghiera.

Funerali La camera allestita da giovedì sera, nella cappella di Sant’Onofrio della cattedrale di Perugia, dove i fedeli potranno raccogliersi in preghiera e salutare il loro amato pastore fino alle ore 21. Venerdì 3 dicembre la camera ardente è accessibile dalle ore 8 alle 22, con veglia di preghiera (ore 21). Le esequie, presiedute dal cardinale Bassetti, si terranno sempre in cattedrale, sabato 4 dicembre, alle ore 10. Al termine della celebrazione il feretro sarà traslato nella cattedrale di San Benedetto del Tronto (Ap) dove verrà tumulato. Mons. Chiaretti fu il primo vescovo della nuova Diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, eretta da Giovanni Paolo II con decreto del 30 settembre 1986. A questa comunità diocesana marchigiana l’arcivescovo emerito è stato sempre molto legato.

Romizi «Apprendiamo con dolore della scomparsa di Monsignor Chiaretti – commentano il sindaco Andrea Romizi e tutti i componenti dell’Amministrazione comunale – per tanti anni guida spirituale della nostra comunità e punto di riferimento per i fedeli. Lo ricordiamo con stima ed affetto per l’instancabile opera prestata nei confronti della nostra città, sempre con passione, modi pacati e gentili. Chiaretti ha amato Perugia e la sua gente, riservando un gesto di attenzione a chi aveva più bisogno ed agli ultimi, affinché non si sentissero mai soli. Con lui se ne va un pezzo importante della nostra storia».

Il presidente della Camera di commercio dell’Umbria Giorgio Mencaroni si unisce ai tanti messaggi di cordoglio: «La sua straordinaria attività pastorale lungo 66 anni di sacerdozio lascia un segno indelebile. Quanti lo hanno conosciuto – ha sottolineato Mencaroni – ne ricordano la lucida intelligenza, il carattere mite, umile e la grande cultura mai ostentata. In quella che è stata la Camera di Commercio di Perugia monsignor Chiaretti era solito passare ogni anno sotto le feste natalizie per un incontro col personale e uno scambio di auguri: in tali occasioni aveva sempre una parola di conforto e di speranza per tutti, anche per i non credenti».

Anci «E’ con profondo dolore che apprendo la notizia della scomparsa di Monsignor Giuseppe Chiaretti e a nome di Anci Umbria, di tutti i sindaci, esprimo cordoglio per il lutto che ha colpito la Chiesa umbra»: è quanto afferma il presidente di Anci Umbria, Michele Toniaccini. «Siamo molto vicini ai familiari di Monsignor Chiaretti, che ricordiamo con grande riconoscenza per l’apporto che ha saputo dare a tutti i fedeli e per essere stato una guida preziosa per le nostre comunità».

 Biografia Mons. Giuseppe Chiaretti ha scritto una bella e importante pagina della storia della Chiesa da trasmettere alle future generazioni (una nota biografica approfondita e sul suo episcopato perugino-pievese è consultabile al link: http://diocesi.perugia.it/vescovo-emerito/). È stato un infaticabile pastore nel guidare il suo gregge in un lungo cammino caratterizzato dalla “nuova evangelizzazione” per la quale tanto si è prodigato, fondata sulla carità e sulla missione, oltre che sull’annuncio della Parola. Grande studioso e uomo di elevato spessore culturale, ha saputo trasmettere la fede anche attraverso la promozione e la valorizzazione dell’arte, della storia e della cultura in generale. È stato, soprattutto, un pastore profetico se si riflette sulla stagione sinodale intrapresa oggi dalla Chiesa. Nel 2006, quando indisse il Sinodo diocesano, scrisse: “Il Sinodo avvia i sacerdoti, religiosi e laici in un cammino insieme, che sia vera missione tra i cristiani e di confronto-dialogo con i ‘distanti’… Non è un esame di tutta la vita della diocesi nella sua ripartizione classica di catechesi-liturgia-carità, ma solo una puntualizzazione sulla dimensione missionaria della nostra Chiesa in rapporto all’evangelizzazione”.

L’immagine che ritrae mons. Chiaretti inginocchiato in piazza IV Novembre di Perugia, mentre soccorre un uomo svenuto a causa di un malore, testimonia, più che molti scritti e documenti, il suo essere uomo e pastore attento al prossimo sofferente sia nel corpo che nello spirito. Anche l’insegnamento del “buon samaritano” nella vita di tutti i giorni ha caratterizzato il suo lungo ministero episcopale iniziato il 7 aprile 1983, con la nomina a vescovo delle diocesi unite aeque principaliter di Montalto e di Ripatransone-San Benedetto del Tronto; nomina ricevuta dodici giorni prima il compimento del 50° anno di età. È stato consacrato vescovo dal cardinale Sebastiano Baggio, nella cattedrale di Spoleto, il 15 maggio 1983, ed è stato il primo vescovo della nuova diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, eretta da Giovanni Paolo II con decreto del 30 settembre 1986, restando sempre molto legato a questa comunità diocesana marchigiana. Ha concluso il suo ministero episcopale a Perugia, il 16 luglio 2009, giorno in cui papa Benedetto XVI ha accettato le sue dimissioni per raggiunti limiti d’età nominando suo successore mons. Gualtiero Bassetti. Fino all’insediamento di quest’ultimo, avvenuto il 4 ottobre 2009, è stato amministratore apostolico dell’Archidiocesi. L’episcopato perugino-pievese di mons. Chiaretti è iniziato il 28 gennaio 1996, giorno del suo ingresso in diocesi dopo essere stato promosso da papa Giovanni Paolo II, il 9 dicembre 1995, alla sede arcivescovile metropolitana di Perugia-Città della Pieve, ricevendo dallo stesso pontefice il palio di metropolita, nella Basilica di San Pietro, il 29 giugno 1996.

Forte in lui è stato sempre il senso di appartenenza alla Chiesa umbra, della quale è stato al suo timone, in qualità di presidente della Conferenza episcopale umbra (Ceu), dal 2004 al 2009, e dal 2005 al 2009 vice presidente della Cei, eletto al primo scrutinio a questo incarico dai vescovi italiani. Mons. Chiaretti, pur essendo nato a Leonessa (Ri) il 19 aprile 1933, si è sempre sentito umbro e spoletino, e quando gli è stata conferita la cittadinanza onoraria della città del Festival dei Due Mondi ha commentato: «Ringrazio ma io mi sento spoletino ed umbro da sempre». Al tempo del giovane Chiaretti la parrocchia di Leonessa faceva parte dell’Arcidiocesi di Spoleto e dopo essere stato ordinato sacerdote dall’arcivescovo Raffaele Mario Radossi, l’8 dicembre 1955, a seguito del compimento degli studi teologici presso il Pontificio Seminario regionale umbro “Pio XI” di Assisi, don Giuseppe è stato prima parroco in varie comunità del territorio spoletino e poi vicario generale dell’Arcidiocesi dal 1977 alla sua elezione a vescovo.

Il suo è stato l’episcopato più lungo degli arcivescovi di Perugia del periodo post-secondo conflitto mondiale ad oggi (è durato quasi 14 anni), ma anche quello in cui si sono svolti alcuni dei più significativi eventi di carattere religioso, culturale e sociale. In qualità di presidente, prima del Segretariato per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso (1995-2000), poi dell’omonima Commissione Cei (2000-2004), mons. Chiaretti ha promosso il Primo Convegno ecumenico nazionale su “Il Padre Nostro” (Perugia-Assisi, 12-15 aprile 1999), che ha visto la partecipazione dei rappresentanti degli uffici per l’Ecumenismo delle Diocesi italiane e delle confessioni ortodosse e protestanti presenti nel Paese.

A questo significativo evento, ripreso anche da importanti media nazionali, sono seguiti altri di importanza e crescita ecclesiale locale. Basti pensare alla celebrazione del IV Congresso eucaristico diocesano (2-19 settembre 1999), dedicato al tema “Senza il giorno del Signore non possiamo vivere”, tenutosi a quasi sessantenni di distanza dal precedente (1941), agli eventi diocesani del Grande Giubileo dell’anno 2000, alle celebrazioni del centenario della morte di Papa Leone XIII (1903-2003) con due importanti convegni di studi filosofici e storici di spessore internazionale, alla Visita Pastorale alle comunità parrocchiali dell’Archidiocesi, svoltasi dal 2001 al 2005, che ha portato mons. Chiaretti ad indire il Sinodo diocesano (2006-2008) dopo più di sessanta anni dal precedente (1942), i cui temi (presbiteri, famiglia, giovani, cultura cristiana) «hanno – come ha evidenziato mons. Chiaretti nella presentazione del Documento sinodale – un denominatore operativo comune: “nuova evangelizzazione”. Su questo “denominatore operativo comune” il presule si è sempre molto soffermato dando il via al Sinodo diocesano a conclusione della Visita pastorale secondo le indicazioni date da Giovanni Paolo II a conclusione della sua visita a Perugia il 26 ottobre 1986: nuova evangelizzazione nelle e delle parrocchie, famiglie, giovani, mondo della cultura. L’intero magistero di papa Wojtyla è stato per mons. Chiaretti il suo “faro” di riferimento; non è un caso che l’arcivescovo perugino abbia fatto erigere un monumento in onore del Papa presso il nuovo complesso ospedaliero della città in ricordo della sua visita a Perugia e del suo grande insegnamento nell’abbracciare la sofferenza.

Il 4 ottobre 2009, con l’ingresso in diocesi del successore, si ritira a “vita privata” a Foligno, città dove vivrà insieme alla sorella, la signora Piera, partecipando, periodicamente, agli eventi-ricorrenze più significativi della Chiesa perugino-pievese fino a quando la salute glielo ha consentito. Nel periodo folignate ritorna ad occuparsi dei suoi studi e delle sue ricerche di carattere storico, relazionando i suoi elaborati ad incontri e convegni. Tra le sue ultime pubblicazioni si ricorda quella dal titolo: Leber memorialis. Tragico 7 aprile 1944 a Leonessa. Antologia resistenziale leonessana nel 72° anniversario di quelle stragi (Leonessa 2016). Si tratta di un libro che mons. Chiaretti ha voluto dedicare ai 23 martiri suoi concittadini, tra cui il congiunto don Concenzio Chiaretti, trucidati dai nazisti in ritirata; una vicenda che ha segnato la vita sacerdotale dell’arcivescovo emerito, i cui contenuti sono stati anticipati dallo stesso in un interessante articolo pubblicato dal quotidiano Avvenire (9 dicembre 2014) dal titolo: Leonessa, la strage del Venerdì Santo. Di seguito si riporta la parte iniziale di questo articolo con cui si conclude la presente nota dedicata all’undicesimo arcivescovo di Perugia da quando papa Leone XIII ha elevato la Chiesa perugina ad Arcidiocesi (1882). «Ripenso all’urlo di sua madre, la “Marona”, entrata nella chiesa di Santa Maria dove don Concezio stava facendo – in quel Venerdì santo 1944 – la tradizionale coroncina in onore dell’Addolorata nell’altare ad essa dedicato: “Fiju, scappa! Te vau cerchénno li tedeschi!” (“Scappa, figlio, i tedeschi ti stanno cercando!”). Io, chierichetto di 11 anni, c’ero e ricordo tutto di quei giorni: la strage di civili perpetrata a Leonessa (Rieti) 13 giorni dopo quella delle Fosse Ardeatine, 23 uccisi tutti insieme il 7 aprile 1944, alle ore 15. Non sono più molti, ormai, quelli che ricordano l’eccidio e le urla di dolore di quel venerdì santo; io quel giorno c’ero, e non posso dimenticare».

I commenti sono chiusi.