Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 3 dicembre - Aggiornato alle 10:37

Dodici anni dalla scomparsa di Barbara Corvi: al via tre iniziative per tenere viva la memoria

Un presidio, un film e una fiaccolata per la 35enne di Amelia di cui non si hanno più notizie dal 27 ottobre 2009

Foto Tgr (YouTube)

Sono passati quasi 12 anni da quel 27 ottobre del 2009 quando Barbara Corvi sparì nel nulla dalla sua abitazione a Montecampano di Amelia. La memoria della donna è viva nella comunità e quest’anno, in occasione dell’anniversario della scomparsa, verranno organizzate tre iniziative da parte dell’associazione ‘Libera Umbria’ insieme al ‘Comitato Barbara Corvi’, al ‘Forum donne Amelia’ e ‘Oltre il visibile’ non solo per ricordarla ma anche «per richiedere con forza verità e giustizia».

Dodici anni dopo La prima iniziativa venerdì alle ore 18 presso il circolo Arci Jonas Club in via De Filis 11/B a Terni dove verrà inaugurato un presidio di Libera Terni dedicato ad Angela Costantino, cognata di Barbara Corvi. Si continua domenica 24 ottobre, l’appuntamento è alle ore 18 presso la sala Boccarini ad Amelia con la proiezione del film ‘Lea’ di Marco Tullio Giordana. L’ultima iniziativa il giorno stesso dell’anniversario della scomparsa, appuntamento mercoledì 27 ottobre alle ore 21 in piazza XXI Settembre ad Amelia con una fiaccolata in ricordo della donna.

VAI AL VIDEO

Barbara Corvi  Roberto Lo Giudice, accusato dell’omicidio volontario della moglie Barbara Corvi, era stato arrestato il 30 marzo scorso quando il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Terni aveva firmato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, contenente la ricostruzione che la procura aveva elaborato di quel 27 ottobre 2009, quando la donna scomparve. Di lei, da allora, non si ha più alcuna notizia. Con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere, senza che il corpo sia mai stato trovato, il marito era tornato libero il 22 aprile in seguito alla decisione dei giudici del Riesame di Perugia. La loro pronuncia era stata quindi impugnata dalla Procura di Terni con un ricorso rigettato, i primi di ottobre, dalla Cassazione. Le indagini sono ancora aperte.

I commenti sono chiusi.