Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 19 gennaio - Aggiornato alle 20:09

Dalla Caritas di via Vollusiano tra le proteste a vescovo di Terni: Francesco Soddu ‘povero tra i poveri’

«Poverello d’Assisi e Sant’Antonio da Padova mie figure guida», l’ordinazione il 5 gennaio alle 10.30: i dettagli dell’evento

Sacerdote dal 1985 una esperienza mai ripetitiva, sento di aver ricevuto un vero e proprio dono, un valore che porterò dentro il nuovo incarico di vescovo della diocesi dui Terni, Narni e Amelia». Così il successore di padre Giuseppe Piemontese che si definisce povero tra i poveri e che ha avuto modo di conoscere il territorio per il quale è chiamato alla figura di pastore diocesano, ai tempi delle proteste per l’apertura del centro Caritas di via Vollusiano nel capoluogo: «Raccomandai agli operatori di non scoraggiarsi e oggi quel luogo rappresenta un’eccellenza».

Soddu «La scelta di diventare prete – come ha rivelato a Istess media per la rivista Adesso – nasce dall’ammiazione per il parroco che mi battezzò e per il quale giocavo a fare il prete prestando servizio come chierichietto. Non l’ho scelto io, sono stato condotto dal Signore. Decisamente formativo il Liceo Classico Domenico Alberto Azuni di Sassari, prima del seminario regionale di Cagliari, dove ho anche insegnato religione, diventando collega dei miei insegnanti». Monsignor Francesco Soddu, fino ad oggi direttore nazionale della Caritas e dal 5 gennaio vescovo di Terni Narni Amelia, dice: «Non si può parlare dei poveri se non si sta con i poveri. Non si può capire la storia se non la si vede con gli occhi dei poveri. Un giorno mentre rientravo da un campo nomadi ho incontrato mia madre e le ho detto ‘Sto rientrando dal campo dei nomadi e sto veramente bene’ e lei mi ha risposto ‘Non vedo come tu possa stare bene se non con i poveri’. Sono nato povero e con i poveri devo rimanere, gustando con loro il sapore della vita». È già stato già a Terni il 16 novembre scorso e ha pranzato alla mensa della Caritas. Della sua nuova diocesi dice: «Sento già di amarla e non vedo l’ora di iniziare ma non intendo lavorare da solo». San Francesco e Sant’Antonio da Padova le sue figure guida. Nella rivista ‘Adesso’ l’intervista completa di Arnaldo Casali: sarà distribuita gratuitamente nel corso della celebrazione del 5 gennaio in cattedrale.

La preghiera di Piemontese Francesco Antonio Soddu sarà ordinato nella cattedrale Santa Maria Assunta di Terni, mercoledì 5 gennaio 2022 alle ore 10.30 per imposizione delle mani e la preghiera di ordinazione di mons. Giuseppe Piemontese, Ofm. Conv. Amministratore apostolico della diocesi di Terni-Narni-Amelia, insieme a mons. Gian Franco Saba Arcivescovo metropolita di Sassari e mons. Stefano Russo Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. A causa delle limitazioni imposte dalle disposizioni vigenti Covid19, solo un numero ridotto di persone potranno partecipare alla celebrazione in presenza. In Cattedrale saranno presenti circa 35 tra Cardinali, Arcivescovi e Vescovi, 110 Presbiteri e Diaconi, familiari e corregionali del vescovo ordinando e circa 40 di autorità civili. Altri invitati, provenienti da fuori regione, responsabili di associazioni diocesane, membri del Consiglio Pastorale Diocesano, potranno seguire la celebrazione liturgica dalle sale dell’attiguo Museo Diocesano e Capitolare.

L’ordinazione il 5 gennaio Tutti gli altri fedeli della diocesi di Terni-Narni-Amelia potranno unirsi alla celebrazione nelle seguenti chiese, dove saranno predisposti degli schermi per la visione dell’evento. A Terni: San Francesco di Assisi, Sant’Antonio di Padova San Pietro, Sacro Cuore Eucaristico, Santa Maria Regina, Santa Maria della Misericordia, San Giuseppe lavoratore; ad Amelia: San Massimiliano Kolbe e San Francesco di Assisi. La celebrazione dell’Ordinazione episcopale sarà trasmessa in diretta sui canali Facebook e Youtube della Diocesi di Terni-Narni-Amelia, sul sito della Diocesi www.diocesi.terni.it; sulla televisione Umbria+ canale 15 del digitale terrestre, sulle frequenze di Mepradio organizzazione 95,6 fm e sul sito www.mepradio.it; su Radio TNA 104,00 89,8 e 93,00 fm e su Dab digitale terrestre.

Diocesi Tna Il vescovo mons. Francesco Antonio Soddu per incontrare i fedeli della diocesi di Terni-Narni-Amelia celebrerà il solenne pontificale di ingresso nel giorno dell’Epifania 6 gennaio 2022 alle ore 11.30 nella cattedrale Santa Maria Assunta di Terni; domenica 9 gennaio 2022 alle ore 11 nella concattedrale dei Santi Giovenale e Cassio a Narni e alle ore 17.30 nella concattedrale Santa Fermina di Amelia. Questa mattina ha seguito personalmente gli ultimi preparativi della solenne concelebrazione eucaristica della sua ordinazione episcopale e di presa di possesso della Diocesi. Incontrando i giornalisti nella sala della Curia Vescovile ha parlato della semplicità e gioia con cui intende svolgere il proprio ministero episcopale, accanto alla gente e al servizio dei più poveri e bisognosi «sento di appartenere a questo popolo di Terni come fratello, amico e per grazia di Dio anche padre – ha detto mons. Soddu -. Il mio ministero sarà infaticabile, bisogna partire dai poveri per abbracciare tutti, iniziando dagli ultimi si può sconfiggere anche la pandemia. Interessarsi di tutti per il bene comune è il cammino che ci indica anche il papa con l’enciclica Fratelli tutti. Desidero avere un approccio buono con tutti. Non può esserci giornata per un cristiano che non si concluda nella riappacificazione con se stesso, con Dio e con gli altri».

Terni Mons. Francesco Antonio Soddu prenderà ufficialmente possesso della Diocesi di Terni-Narni-Amelia durante la concelebrazione eucaristica, con la consegna del Pastorale da parte di mons. Piemontese, unitamente alla consegna dell’anello episcopale e della mitra. All’inizio della liturgia dell’ordinazione verrà data lettura del ‘mandato pontificio’ con cui papa Francesco ha nominato mons. Soddu vescovo di Terni-Narni-Amelia con tutti i diritti e i doveri, sollecitando, scrive il Santo Padre, che «tu possa pascolare ogni giorno la comunità a te affidata con cuore di padre, mosso da profonda carità verso i fedeli». Nel giorno dell’ordinazione, il servizio d’ordine e accoglienza sarà svolto da circa 70 volontari appartenenti alle associazioni cattoliche diocesane e alle associazioni laiche territoriali di protezione civile ed in particolare: Ordine del Santo Sepolcro di Gerusalemme – delegazione di Terni Narni Amelia, Unione Giuristi Cattolici Italiani di Terni, Associazione Nazionale Carabinieri – sezione di Otricoli, C.I.S.O.M. Terni, Prociv Collescipoli, Prociv Civitas Interamna di Terni, Comunità Neocatecumenale di Terni, Società San Vincenzo De’ Paoli di Narni, Gruppo Alpini Valle Umbra di Terni, Unitalsi di Terni, Confederazione nazionale delle Misericordie – Sez. di Terni, Comunità Sant’Egidio di Terni, Rinnovamento Nello Spirito di Terni, Movimento Cristiano Lavoratori di Terni, Acli di Terni, Comunione e Liberazione di Terni, Scout d’Europa di Terni, Scout Agesci di Terni. I suddetti volontari saranno impegnati nel servizio d’ordine, accoglienza, controllo Green Pass, igienizzazione, controllo temperatura e mascherine FFP2, assistenza parcheggi, assistenza passeggeri navette, logistica, indicazioni stradali, sorveglianza e rispetto distanziamento, vigilanza sanitaria. All’evento sarà presente un’ambulanza completa di autista, personale medico e paramedico fornita dalle Misericordie, oltre un pullmino attrezzato disabili dell’Unitalsi.

I commenti sono chiusi.