Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 28 maggio - Aggiornato alle 18:32

«Da strada di un quartiere di Perugia a tangenziale senza sicurezza: siamo esausti»

A Ferro di Cavallo alta velocità e inquinamento acustico certificato da Arpa nel 2019. Residenti chiedono più sicurezza

Incidente Ferro di Cavallo del giugno scorso

di C.F.

«Da strada di quartiere a tangenziale». Sbottano i residenti di Ferro di Cavallo che vivono a ridosso di viale Firenze, la strada che attraversa il quartiere, dove già nel 2019 Arpa ha certificato, all’esito di un monitoraggio durato 14 giorni, «il marcato superamento dei limiti di rumore sia di giorno che di notte».

Inquinamento acustico a Ferro di Cavallo Qui, malgrado la diagnosi di inquinamento acustico, i residenti sono pure alle prese coi pericoli legati «all’elevata velocità di transito di auto, moto, camion e mezzi pesanti, facilitata – spiega uno di loro a Umbria24 – dalla configurazione geometrica della strada e dall’apparente regolarità del tracciato», che però non è tale.

Auto a forte velocità e inquinamento acustico Secondo gli abitanti del quartiere, ma anche in base ad alcuni incidenti, quello in foto risale al giugno scorso e si è consumato davanti ai Vivai Brocani, i veicoli «sfrecciano durante tutto il giorno e la notte a grande velocità, incuranti della presenza delle strisce pedonali, delle abitazioni adiacenti e delle attività commerciali presenti». Ad aggravare la situazione c’è anche «lo stato fatiscente in cui versano marciapiedi, la completa assenza di segnaletica orizzontale sul manto stradale e le condizioni dello stesso asfalto, che risulta fortemente ammalorato».

Petizione Problematiche, queste, che sono state a più riprese segnalate al Comune di Perugia, senza però riscontri concreti capaci di innalzare gli standard di sicurezza, motivo per cui i residenti hanno fatto scattare la petizione ed è in corso una raccolta firme per chiedere all’ente di valutare idonei interventi specifici per contenere il transito di veicoli ad alta velocità e garantire la sicurezza a pedoni.

@chilodice

I commenti sono chiusi.