Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 10:05

Covid, in Umbria continua a calare il numero dei ricoveri. Incidenza più altra fra i sei e i dieci anni

Il bollettino e l’analisi del Nucleo epidemiologico: 35 le persone nei reparti, 576 gli attualmente positivi. «Curva in continua diminuzione»

Il drive through di Perugia (©Fabrizio Troccoli)

È ancora in calo in Umbria il numero delle persone ricoverate negli ospedali a causa del nuovo coronavirus. Secondo gli ultimi dati della Regione nei reparti ce ne sono 35 (tre in meno rispetto al giorno precedente), delle quali sempre quattro in terapia intensiva; in particolare, 20 pazienti si trovano all’ospedale di Terni e 15 in quello di Perugia. Nell’ultimo giorno inoltre non sono stati registrati nuovi decessi, con il totale che rimane quindi a quota 1.456 dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

GRAFICI: L’ANDAMENTO DEL CONTAGIO NELLE SCUOLE

Il bollettino Quanto ai nuovi casi sono 24, quattro in meno rispetto alla precedente rilevazione, trovati analizzando 1.855 tamponi molecolari e 4.492 test antigenici, con un tasso di positività sul totale dello 0,37% (0,48 mercoledì e 0,8 giovedì della scorsa settimana). I guariti sono invece 22, con il livello degli attualmente positivi che si attesta a quota 576, stabile rispetto alla giornata precedente. Poco meno di 550, infine, il numero delle persone in isolamento contumaciale.

GAMMAITONI: «TRA 60 GIORNI ZERO CONTAGI»

L’andamento dell’epidemia Giovedì nel report settimanale del Nucleo epidemiologico regionale si sottolinea come la curva epidemica, come pure la media mobile a 7 giorni, «in Umbria continuano a mostrare un trend in diminuzione»; l’incidenza settimanale ogni 100 mila abitanti, in particolare, è pari a 22, mentre l’Rt sulle diagnosi per gli ultimi 14 giorni è pari a 0,80. Quanto alle fasce d’età, l’incidenza di nuovi casi ogni 100 mila abitanti è più elevata tra i sei e i dieci anni e più bassa tra gli ultraottantenni. Per quanto riguarda i distretti, infine, in tutti si registrano meno di 50 casi ogni 100 mila abitanti.

I commenti sono chiusi.