Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 04:54

Covid, da Castello a Deruta i sindaci cominciano a cancellare gli eventi natalizi

Secondi annulla tutti gli appuntamenti del cartellone, Toniaccini quelli al chiuso. A Marsciano per veglioni e appuntamenti servirà l’ok del Coc

Un infermiere nel drive through di Perugia (©Fabrizio Troccoli)

Con l’aumento del numero di contagi, in Umbria i sindaci iniziano a cancellare i diversi appuntamenti previsti per Natale e Capodanno. A Città di Castello Luca Secondi ha comunicato giovedì che non si terranno gli eventi previsti nell’ambito del cartellone «Natale in città»: «Invitiamo i cittadini – precisano sindaco e assessori – a un comportamento responsabile nel rispetto delle ultime disposizioni emanate per il contenimento dei contagi. Saremo vicini a tutte e tutti anche il giorno di Natale attraverso uno speciale messaggio di auguri».

Deruta A Deruta invece il sindaco Michele Toniaccini ha deciso che fino al 6 gennaio saranno annullati tutti gli eventi al chiuso previsti dalla rassegna «Natale di stelle»; l’unica eccezione riguarda la mostra «Il chiostro dei presepi». Quanto ad altri appuntamenti all’aperto, dovranno tenersi «nel massimo rispetto delle normative anti contagio»: il Christmas train, ad esempio, nei giorni di giovedì e venerdì potrà viaggiare con una capienza massima dell’80 per cento. Niente da fare invece per il torneo interregionale di calcio – riservato alla categoria dei pulcini 2012 – in programma dal 4 al 6 gennaio.

Marsciano e Terni A Marsciano la sindaca Francesca Mele con un’ordinanza ha spiegato che per lo svolgimento di eventi, manifestazioni e veglioni in luoghi al chiuso, servirà l’autorizzazione del Centro operativo comunale che, sulla base della situazione epidemiologica, potrà stoppare l’evento o prescrivere ulteriori misure oltre a quelle già previste. Per quanto riguarda la provincia di Terni, nel capoluogo ogni decisione riguardo alla presenza del pubblico all’Ast, dove nella notte di Capodanno andrà in scena «L’anno che verrà» (la trasmissione condotta da Amadeus in onda su RaiUno), è rimandata a dopo Natale.

I commenti sono chiusi.