Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 07:35

Covid-19: un altro morto e più di cento nuovi positivi, ma lieve flessione ricoverati

Il sindaco di Magione: serie di casi alla scuola elementare del borgo e in quella della frazione di Agello, ecco i provvedimenti

©Fabrizio Troccoli

Un altro morto, con il bilancio delle vittime che sale a 1.468. E più di cento nuovi positivi, ma c’è anche una lieve flessione dei ricoverati, che tornano a essere meno di 50.

NO GREEN PASS AD ASSISI

Bollettino 7 novembre Emerge dal bollettino del 7 novembre 2021 sulla diffusione del Covid-19 in Umbria dove nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 1.754 tamponi e 8.589, per un totale di 10.343 test, all’esito dei quali sono stati trovati altri 102 nuovi positivi. In questo senso, prosegue la crescita degli attualmente, che balzano sopra quota 1.400, attestandosi a 1.418, mentre il tasso di positività è di 0,98, in crescita su domenica scorsa, quando girava intorno a 0,69. Cinquantaquattro, invece, i guariti nelle ultime 24 ore. Negli ospedali, invece, si registra una leggera diminuzione dei ricoverati, che sono 48, due in meno. Di questi, poi, sei risultano ricoverati in Terapia intensiva, ossia uno in meno di ieri.

Casi nelle scuole primarie di Magione Con un post sui social, poi, il sindaco di Magione, Giacomo Chiodini, ha spiegato che la Usl Umbria 1 ha disposto la «quarantena per due classi della primaria di Agello». I piccoli torneranno «qualche giorno a seguire la didattica a distanza. Per altre due classi della stessa scuola è scattata la sorveglianza sanitaria e un tampone di controllo preventivo è stato programmato per gli alunni dell’ultima classe delle primarie di Agello». Nella scuola elementare di Magione, ha sempre reso noto il sindaco, «si prevede la sorveglianza sanitaria per due sezioni, mentre tamponi di controllo sono, inoltre, previsti nelle prossime ore anche per il personale scolastico (Ata e insegnanti) e del pulmino scolastico. Non sono previsti, malgrado i controlli che riguardano parte del personale addetto, disagi specifici sul trasporto scolastico».

I commenti sono chiusi.