Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 07:49

Covid-19: un altro morto e nuovo picco di contagi in 24 ore, ma i ricoverati restano stabili

Tasso di positività in crescita, ma resta sotto a 2. Nelle ultime 24 ore somministrate quasi 6 mila dosi

La Microbiologia di Perugia (©Fabrizio Troccoli)

Un altro morto e nuovo picco di contagi in 24 ore, ma i ricoverati restano stabili. Emerge dal bollettino del 14 dicembre 2021 sulla diffusione del Covid-19 in Umbria dove nelle ultime 24 ore sono stati scoperti altri 245 positivi che, anche alla luce dei 50 umbri che hanno archiviato il virus, hanno fatto provocato un balzo in avanti delle persone contagiate, che sono 2.588, vale a dire 194 in più di lunedì. Intanto in consiglio regionale l’assessore Luca Coletto ha risposto sul «monitoraggio dei pazienti che soffrono di long Covid», assicurando che a «gennaio saranno disponibili i primi dati».

Bollettino 14 dicembre I nuovi casi di Covid-19 in Umbria sono emersi all’esito di 3.423 tamponi e 11.112 test antigenici, che hanno consegnato un tasso di positività sul totale pari allo 1,68 per cento, in crescita su quello di martedì scorso, che girava intorno all’1 per cento. Come detto, resta stabile la situazione negli ospedali dell’Umbria dove sono ricoverate 55 persone, senza variazioni rispetto al giorno precedente, di cui sette in terapia intensiva, ossia una in meno di ieri. Tuttavia, nelle ultime 24 ore ha perso la vita un’altra persona, facendo salire a 1.497 il numero delle vittime.

Quasi 6 mila terze dosi Sul fronte vaccinale, invece, nelle ultime 24 ore sono state somministrate 5.889 terze dosi che hanno portato a una copertura di oltre il 22 per cento, pari a 178.169 umbri. Lunedì, invece, le persone che hanno avuto la prima dose sono state 354, raggiungendo così l’86,7 per cento della popolazione, mentre le seconde inoculazioni sono state 541 e coprono l’85,47 per cento. Secondo i dati ministeriali l’Umbria ha utilizzato 1.530.274 su 1.574.232 fornite, cioè il 97,2 per cento.

Long Covid A Palazzo Cesaroni, sollecitato dalla consigliera Francesca Peppucci (Lega), l’assessore ha chiarito sul long Covid che «ogni azienda monitora i pazienti presi in carico, che vengono valutati, sottoposti ad approfondimenti diagnostici specifici e indirizzati a cure e/o trattamenti di merito, nonché seguiti e rivalutati nel tempo.  Alle aziende sono state assegnate le risorse previste e indicate le modalità di monitoraggio delle risorse spese, legate ovviamente all’esenzione dal ticket per il long Covid».

I commenti sono chiusi.