Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 07:26

Covid-19, super green pass verso riduzione durata ed estensione a tutti i lavoratori

Sono due delle misure al vaglio del Governo. C’è anche l’ipotesi tamponi per l’acceso a grandi eventi dei vaccinati

©Fabrizio Troccoli

Da nove mesi a sette, forse perfino a cinque. Sul super green pass dei vaccinati e dei guariti potrebbe arrivare la riduzione della durata già in settimana, quando il Governo si riunirà per varare altre misure, tentare di fermare l’impennata di contagi e proteggere la popolazione dalla variante Omicron con la terza dose.

Riduzione durata super green pass La sforbiciata sulla durata del super green pass va in questa direzione e punta a spingere gli italiani a mettersi in fila per la dose booster anti Covid-19. Oltre agli scopi sanitari, la misura, che potrebbe essere approvata il 23 dicembre, è finalizzata a scongiurare la chiusura delle attività commerciali a cominciare da quelle in cui più facilmente o per loro stessa natura si creano assembramenti, come le discoteche. Tuttavia, per i grandi eventi, che Palazzo Chigi dovrà quantificare in termini di presenze, non è escluso che anche ai vaccinati e ai guariti venga richiesto il tampone obbligatorio per accedere.

Super green pass per tutti i lavoratori C’è poi il tema dell’obbligo vaccinale che non dovrebbe essere varato già col prossimo decreto, ma che resta una opzione sul vaglio intorno alla quale c’è da tempo la condivisione di alcune anime del governo. Prima di introdurlo, però, un ulteriore step al vaglio è rappresentato dall’estensione del super green pass a tutti i lavoratori, quindi non solo prof, forze di polizia, medici e personale sanitario amministrativo. Appare scontato, infine, che il certificato verde rafforzato non esaurirà la propria efficacia il 15 gennaio, ma sarà prorogato almeno fino al 31 marzo.

Centri commerciali Il confronto è aperto e coinvolge anche i presidenti di Regione, che recentemente hanno sostenuto e stimolato il Governo a varare il super green pass. Per scongiurare stop alle attività commerciali e allo stesso tempo contenere il contagio, che è tornato a correre, si valuta anche un filtro di ingresso nei centri commerciali, dove alto è il rischio di assembramento: per accedere potrebbe essere richiesto il green pass base, quello che si ottiene con test e tamponi, o in alternativa misure di ingresso fortemente contingentate. Probabile, infine, che il Governo vari anche l’obbligo di mascherina all’aperto su tutto il territorio, superando così le ordinanze dei sindaci che sono fioccate, anche in Umbria, negli ultimi giorni.

 

 

I commenti sono chiusi.