Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 18 maggio - Aggiornato alle 10:05

Covid-19, nuovo punto vaccini a Terni: da sabato le dosi verranno somministrare al ‘Casagrande’

Stop alle vaccinazioni in via Bramante, dal 24 aprile alle 8 tutti i prenotati dovranno recarsi al nuovo sito di piazzale Bosco

©Fabrizio Troccoli

Come già annunciato dall’azienda Usl Umbria 2, da sabato 24 aprile al via il nuovo punto vaccinale territoriale di Terni all’interno della palestra dell’istituto Casagrande in piazzale Bosco, che andrà a sostituire l’attuale, posto nella sede centrale Usl 2 di via Bramante. Con l’apertura della nuova struttura, fruibile per la cittadinanza, dotata di ampio parcheggio e spazi interni che possono accogliere sarà possibile aumentare notevolmente, disponibilità di dosi permettendo, la somministrazione dei vaccini alla popolazione. L’obiettivo è quello di somministrare dosi sette giorni su sette, passando dall’attuale capacità di 500 dosi giornaliere, ad oltre 1500 vaccinati al giorno con l’ausilio di dieci team vaccinali, aumentati rispetto a prima di sette unità.

Vaccini solo al Casagrande «Da sabato 24 aprile alle ore 8 – informa Usl Umbria 2 – tutti i cittadini già prenotati e con appuntamento in viale Bramante per la seduta vaccinale, dovranno quindi recarsi nel nuovo punto vaccinale territoriale anti Covid della città di Terni, nella palestra dell’Istituto Casagrande del piazzale Bosco, nei pressi della stazione ferroviaria».

PUNTO VACCINALE PER MEDICI DI BASE IN FONDAZIONE AIUTIAMOLI A VIVERE

Domenica l’inaugurazione del sito Nell’ambito dell’evento ‘Vaccine Day’, è in programma l’inaugurazione della nuova postazione territoriale della città di Terni. All’istituto Casagrande è prevista la presenza dei vertici dell’azienda Usl Umbria 2, delle massime autorità regionali, provinciali e cittadine, dei parlamentari eletti nel territorio, dirigenti scolastici dell’istituto Casagrande – Cesi e dei rappresentanti della Protezione civile, delle associazioni di volontariato, di Cittadinanzattiva – Tribunale per i diritti del malato che effettueranno un breve sopralluogo nella nuova sede vaccinale.

Un passo verso la normalità «La speranza – si legge nel sito della Usl – è che il 25 aprile diventi quest’anno anche la giornata di ripartenza e di liberazione dall’incubo del Covid-19 che ha segnato pesantemente la vita del paese grazie all’accelerazione impressa alla campagna vaccinale, all’impegno di migliaia di sanitari in prima linea per assistere la popolazione e al senso civico dei cittadini chiamati ancora a rispettare le misure anti-contagio in modo rigoroso ed attento. Non è questo il momento di abbassare la guardia, c’è bisogno del contributo di tutti per lasciarsi alle spalle i lunghi e dolorosi mesi di emergenza pandemica». Il direttore generale dell’azienda Usl Umbria 2, Massimo De Fino: «Siamo nella fase cruciale della campagna di vaccinazione e grazie all’ottimo lavoro di squadra e alla proficua collaborazione interistituzionale, con l’apertura del nuovo punto vaccinale territoriale della città di Terni, siamo pronti per compiere insieme questo passo in avanti decisivo per il ritorno alla normalità. Esprimo grande soddisfazione per il risultato raggiunto e intendo ringraziare tutti i professionisti e colleghi che da oltre un anno stanno affrontando e gestendo con grande impegno e dedizione l’emergenza pandemica. Un pensiero particolare va anche ai cittadini che, chiamati a compiere sacrifici, hanno risposto e continueranno a fare la propria parte, con grande senso civico, forza e unità, rispettando in modo attento e responsabile le misure anti-contagio. Vorrei rivolgere un sentito ringraziamento  – conclude il direttore – al sindaco Leonardo Latini, al presidente della Provincia di Terni Giampiero Lattanzi, a tutte le istituzioni locali e provinciali per il supporto e il sostegno che ci hanno sempre garantito in questi mesi difficili, alle numerose associazioni di volontariato che lavoreranno al nostro fianco per rendere più agevole l’accesso dei cittadini alla postazione e alle forze militari che supporteranno le attività di vaccinazione a domicilio nelle aree disagiate».

 

I commenti sono chiusi.