Quantcast
mercoledì 28 settembre - Aggiornato alle 01:23

Covid-19, dalla Regione contributi a fondo perduto per le agenzie di viaggio

Aiuto fino a 1.700 euro in regime di minimis per spese sia di adeguamento ai protocolli sanitari che finalizzate alla ripartenza

Contributo a fondo perduto fino a 1.700 euro. La Regione ha pubblicato sul Bur il bando per le agenzie viaggio e turismo per sostenerle sia negli interventi di adeguamento ai protocolli sanitari che nelle attività di commercializzazione in un’ottica di marketing regionale. La dotazione finanziaria assegnata alla misura è di 290 mila euro, mentre la domanda per accedere al beneficio dovrà essere presentata entro la mezzanotte del 20 luglio.

In particolare il contributo fino a 1.700 euro a fondo perduto e in regime di minimis è finalizzato ad agevolare la ripartenza economica dopo il lockdown attraverso la realizzazione di pacchetti turistici che valorizzino le eccellenze del territorio della regione Umbria. Sono ammissibili a finanziamento spese correnti sostenute, dal primo marzo al 31 agosto 2020, per la riapertura e la gestione delle attività necessarie alla realizzazione dei pacchetti turistici, fatta eccezione per le polizze assicurative e bancarie. «Con questo contributo andiamo a sostenere le agenzie di viaggio dell’Umbria, messe a dura prova dall’emergenza Covid-19 come tutto il comparto del turismo. È importante dare un segnale alle imprese e un contributo affinché possano tornare a lavorare e convogliare turisti nella nostra regione attraverso proposte commerciali attrattive e, allo stesso tempo, adeguate alle prescrizioni anti-contagio. L’Umbria è bella e sicura anche grazie alla professionalità di chi lavora in questo settore» ha detto l’assessore Paola Agabiti, aggiungendo che «attraverso questa iniziativa proseguiamo nel nostro impegno a sostenere un comparto centrale per l’Umbria, nella consapevolezza che la nostra Regione ha tutte le caratteristiche, le capacità e le professionalità per poter ripartire proprio grazie al volano rappresentato dal comparto turistico»

 

I commenti sono chiusi.