Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 5 agosto - Aggiornato alle 23:29

Covid-19, altri due morti ma poco più di mille positivi. Braganti: «Abbiamo bisogno di sangue»

Tasso di positività a 1,5 per cento sui molecolari, stabile la situazione negli ospedali

Massimo Braganti

Due morti e nuova riduzione degli attualmente positivi, mentre resta stabile la presenza dei pazienti Covid-19 negli ospedali. Ed è proprio dai nosocomi dell’Umbria che arriva un appello alla cittadinanza: «Venite a donare il sangue, le scorte di sangue sono al livello più basso dall’inizio della pandemia».

Altri due morti ma poco più di mille positivi In particolare, nelle ultime 24 ore in Umbria sono stati scoperti 21 nuovi casi di positività a fronte di 1.407 tamponi molecolari e 2.888 test antigienici, con un tasso di positività che si attesta all’1,5 per cento per i soli molecolari, ma che scende a 0,5 considerando anche i test. Dal bollettino sulla diffusione del Covid-19 in Umbria del 12 giugno, poi, risulta comunque un’ulteriore contrazione del numero degli umbri ancora alle prese con il virus, che sono 1.058, mentre ieri erano 1.102, in virtù del bilancio quotidiano dei guariti, che conta altre 63 persone che hanno archiviato il Covid-19. Resta sostanzialmente invariata la situazione negli ospedali dove sono ricoverate 46 persone, una in più di ieri, di cui 5 in terapia intensiva, come nelle 24 ore precedenti.

Braganti: «Abbiamo bisogno di sangue» Dai tutti gli ospedali dell’Umbria, però, arriva una chiamata alla solidarietà. Sì, perché dall’inizio della pandemia le scorte di sangue hanno raggiunto il livello più basso fin qui registrato, attestandosi intorno alle 900 sacche giornalmente disponibili, contro un media dei mesi scorsi che girava intorno a 1.300. In questo senso, il direttore alla Salute della Regione Umbria, Massimo Braganti, evidenzia che c’è  «urgente bisogno del sostegno di tutti i cittadini affinché questa situazione non si trasformi in una grave emergenza, con conseguenze per tutti coloro che necessitano di trasfusioni», aggiungendo che le «procedure in vigore nei centri trasfusionali di tutti gli ospedali umbri garantiscono la massima sicurezza per i donatori. In tal senso è importante – ha sottolineato – effettuare la prenotazione della donazione».

I commenti sono chiusi.