Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 3 marzo - Aggiornato alle 03:19

Covid-19, altri due morti e 210 casi. Tasso settimanale all’8,5%. Mille contagi fra i sanitari

Stabili a quota 51 i ricoverati in Terapia intensiva. Positivi in leggera crescita anche tra medici e infermieri. Il punto su Magione e Trasimeno

©Fabrizio Troccoli

di Dan.Bo.

Due morti (di Perugia e Orvieto) e 210 i nuovi casi di Covid-19 del 14 gennaio 2021 in Umbria a fronte di 2.953 tamponi analizzati, con un tasso di positività del 7,1 per cento. Nel bilancio tracciato nell’ambito della conferenza stampa della Regione è stato anche spiegato che negli ultimi sette giorni sono stati processati circa 16 mila tamponi, con un tasso di positività che si è attestato nel corso dell’ultima settimana a 8,5. Nel bollettino quotidiano anticipato da palazzo Donini anche 19 guariti in più, che portano a 4.489 gli umbri che hanno superato il Covid-19, mentre dagli ospedali risultano due pazienti in più ricoverati rispetto a mercoledì, quando erano 326, mentre restano stabili i positivi trattati in Terapia intensiva, che sono 51 come nelle 24 ore precedenti.

UMBRIA IN BILICO TRA GIALLO E ARANCIONE

I sanitari Nel corso del briefing con la stampa di giovedì è stato fatto anche il punto sui contagi che riguardano il personale sanitario dopo il nuovo focolaio che, nelle ultime ore, si è sviluppato all’interno del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Santa Maria della misericordia di Perugia. Dal primo settembre hanno contratto il virus 985 sanitari (394 infermieri, 264 medici e 68 Oss). in, con una curva in leggera crescita (5-6%) nelle ultime due settimane, in linea con quanto sta accadendo nel resto della regione.

IL CASO DI MAGIONE

Magione e il lago Quanto al caso di Magione, dove si registra il tasso di positività più alto dell’Umbria, si tratta perlopiù di contagi tra membri della stessa famiglia: «Più volte durante l’emergenza – ha detto il professor Fabrizio Stracci del nucleo epidemiologico – abbiamo notato elevate incidenze in alcune zone del lago». Tra i fattori che potrebbero spiegare questi numeri «i collegamenti stretti con Perugia, mobilità e densità di popolazione elevate e scambi accentuati tra gli abitanti».

Dove sono i positivi I 4.489 (+19) attualmente positivi sono così ripartiti per residenza: Perugia 772 (+18), Fuori Regione 510 (+2), Terni 464 (+3), Città di Castello 295 (+4), Foligno 215 (-1), Magione 201 (+9), Corciano 182 (+4), Gubbio 158 (-5), Gualdo Tadino 144 (-1), Assisi 138 (+5), Spoleto 132 (-1), Castiglione del Lago 79, Marsciano 71 (+7), Amelia 70 (-1), Bastia Umbra 63 (+3), Umbertide 49 (-3), Nocera Umbra 44 (-7), Narni 44 (-4), Tuoro sul Trasimeno 42 (-1), Trevi 42, Orvieto 41, Todi 38 (-4), Bevagna 34 (+3), Città della Pieve 33 (-1), Stroncone 32 (-1), Attigliano 30, Deruta 29 (-2), Montecastrilli 28 (-6), San Giustino 27 (-3), Passignano sul Trasimeno 27, Spello 23 (-1), Gualdo Cattaneo 22 (-1), Cannara 22 (+1), Collazzone 20 (+1), Avigliano Umbro 20 (-3), Bettona 19 (+8), Torgiano 18 (+1), Piegaro 17 (-1), Fossato di Vico 17 (-1), Valfabbrica 16, Montefalco 16 (+1), Castel Ritaldi 15, Calvi dell’Umbria 15, Allerona 15, San Gemini 14, Norcia 14, Panicale 12 (-1), Monte Castello di Vibio 12, Citerna 11 (-1), Acquasparta 10, Sellano 9 (+3), Monte Santa Maria Tiberina 7 (+1), Castel Viscardo 7, Baschi 7 (-1), Giove 6, Fabro 6, Cerreto di Spoleto 6, Castel Giorgio 6, Arrone 6, Valtopina 5, Porano 5, Pietralunga 5, Otricoli 5 (-1), Giano dell’Umbria 5, Cascia 5, Scheggino 4 (-2), Scheggia e Pascelupo 4, Paciano 4, Massa Martana 3 (+1), Costacciaro 3 (-1), Vallo di Nera 2, San Venanzo 2, Penna in Teverina 2, Monteleone di Spoleto 2, Fratta Todina 2, Sigillo 1, Sant’Anatolia di Narco 1, Preci 1, Monteleone d’Orvieto 1, Montegabbione 1 (+1), Montefranco 1, Montecchio 1, Ferentillo 1 (-1), Campello sul Clitunno 1, Polino 0, Poggiodomo 0, Parrano 0, Montone 0, Lugnano in Teverina 0, Lisciano Niccone 0, Guardea 0 (-1), Ficulle 0, Alviano 0.

Situazione comune per comune:

I commenti sono chiusi.