Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 12 giugno - Aggiornato alle 20:26

«Bisogna isolare lo scimpanzé»: la frase razzista della prof ai compagni di classe di un 13enne

Il ragazzino non era in classe, ma i compagni con un vocale lo hanno informato. Papà denuncia episodio

La classe di una scuola

di C.F.

«Bisogna isolare lo scimpanzé, non dovete parlare con lui». Questa la frase razzista attribuita a un’insegnate di sostegno di una scuola media di Spoleto dai compagni di classe del tredicenne a cui era indirizzata, ossia un ragazzino di origine nordafricana da anni residente in Italia, che quel giorno era rimasto a casa. La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Messaggero.

«Bisogna isolare lo scimpanzé» Il caso è stato reso noto ieri dal padre attraverso un post sui social, ma il genitore già l’ottobre scorso, ossia a pochi giorni dai fatti, si è presentato dai carabinieri per denunciare formalmente l’episodio. Raggiunto telefonicamente da Umbria24, il cinquantenne ha spiegato «di aver consegnato agli inquirenti anche il messaggio vocale con cui i compagni di classe hanno informato mio figlio delle parole pronunciate dall’insegnante in sua assenza».

Papà va dai carabinieri Il genitore racconta che nei 30 anni trascorsi a Spoleto con la moglie «di ignoranza ne abbiamo vista tanta, ma di certo – ha detto – non ci aspettavamo che una prof chiamata a insegnare anche rispetto ed educazione ai più giovane potesse arrivare a tanto: per noi è un fatto gravissimo». E le parole della docente di sostegno non hanno lasciato indifferente il diretto interessato, ossia il tredicenne: «Era ottobre, ancora c’erano le lezioni in presenza, ma dopo questo fatto lui non voleva più andare a scuola e così lo abbiamo dovuto portare da un terapeuta e dopo cinque, sei sedute ha ritrovato quel minimo di tranquillità per rientrare in classe, poi però è ripresa la didattica a distanza».

@chilodice

I commenti sono chiusi.