Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 13 giugno - Aggiornato alle 03:12

Be Valnerina be green, comunità energetiche: sperimentazione al via a Terria

Idrogeno, sviluppo e bonus 110%, evento sabato a San Pietro in Valle col sottosegretario del ministero della Transizione ecologica

Terria, frazione del Comune di Ferentillo, nella Valnerina ternana, ospiterà la prima opera strutturata che dovrà realizzare un sistema integrato di cogenerazione elettrica totalmente sostenibile. Ed è proprio di questo e di comunità energetiche in generale e in tutte le sue declinazioni che si parlerà sabato 12 giugno, nella bellissima cornice dell’antica abbazia di San Pietro in Valle, a partire dalle ore 10,00. L’evento dal titolo ‘Be green project’ è proposto dalla cooperativa di comunità ‘Be Valnerina’ patrocinato da Agci Umbria, fondazione ‘Aiutiamoli a vivere’, Regione Umbria e Comuni della Valnerina.
Be Valnerina L’evento vedrà la partecipazione e l’intervento della sottosegretaria al ministero della Transizione ecologica (Mite), Ilaria Fontana, della senatrice del M5s Emma Pavanelli, del senatore pentastellato Gianni Girotto, presidente della commissione Attività produttive del Senato, del presidente dell’Agci Umbria (Associazione generale cooperative italiane) Gabriele Nardini e dei sindaci dei Comuni della Valnerina, Elisabetta Cascelli (Ferentillo), Fabio Di Gioia (Arrone) e Remigio Venanzi (Polino) oltre ad altri ospiti qualificati nell’ambito dell’Energia e della transizione ecologica. «Il ‘Be green project’ – spiegano da Agci – parte dall’idea che, anche se le economie globali sono ancora stordite dalla situazione pandemica, la salvaguardia dell’ambiente sia certamente il binario sicuro su cui far transitare il rilancio economico, soprattutto se si tratta dei contesti rurali. Il lavoro è un buon indicatore perché cosi è possibile misurare l’effetto del cambiamento. I singolo territori con la loro esperienza possono indicare la strada del rilancio. Riqualificare, riconvertire e ricollocare sono le parole chiave della rivoluzione green e in questo contesto la forma delle cooperative di comunità è la più appropriata ed innovativa perché permette un modello di innovazione sociale dove i cittadini sono produttori e fruitori di beni e servizi. La cooperativa di comunità è un modello che crea sinergia e coesione in una comunità, mettendo a sistema le attività di singoli cittadini, imprese, associazioni ed istituzioni».

I commenti sono chiusi.