venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:48
2 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:43

«Warcraft», due ore di mazzate e battaglie senza una trama efficace: il film di Jones non funziona

Il regista prova a portare al cinema uno dei giochi più famosi ma l'esperimento non riesce e si trasforma in un guazzabuglio di idee e situazioni

«Warcraft», due ore di mazzate e battaglie senza una trama efficace: il film di Jones non funziona

di Gordon Brasco

Che succede quando uno dei più famosi giochi online del pianeta diventa un film? Nel 2010 World of Warcraft contava più di dodici milioni d’iscritti che davanti a uno schermo smettevano di essere le solite persone di tutti i giorni per calarsi nei panni di temibili guerrieri e massacratori senza paura. Ovvio che un bacino di utenza del genere potesse far gola a Hollywood, peccato però che oggi gli utenti siano poco più di cinque milioni, segno che la frenesia per le vicende del regno di Azeroth si sia raffreddata. A cercare di fare il miracolo nel mischiare due mondi così diversi (quello cinematografico e quello dei videogiochi) è stato chiamato Duncan Jones, uno che apertamente ha già detto di guardare con molto interesse al settore dei game e alle sue storie di maggior successo. Il fatto è che questo esperimento non sembra riuscito, anzi, dovrebbe spaventare ancora di più quei produttori che a oggi si stanno per imbarcare nello sviluppo di altri storie tratte da videogiochi, tra tutti la serie «Assassins Creed». A guardare questo film l’unica battaglia epocale che emerge non è lo scontro tra orchi e umani, ma piuttosto quella degli sceneggiatori con la trama: due ore di mazzate, incantesimi prodigiosi, nomi difficilissimi che il vostro codice fiscale vi sembrerà una barzelletta, tutto mischiato in un mix terribilmente noioso, distante anni luce dall’esperienza di gioco online. Se a Peter Jackson è riuscita la magia di rendere vitale la saga tolkeniana è perché dietro al progetto c’è stata una rilettura attentissima dei due romanzi («Il signore degli anelli» e «Lo Hobbit») e anche le scelte di aggiustare alcuni passaggi delle due trame e modificare di vari personaggi sono state sempre funzionali a garantire alla storia una fluidità maggiore verso chi quelle opere letterarie non le ha mai lette.

Senza trama Warcraft è un guazzabuglio d’idee e situazioni buone più per una pubblicità di qualche app per iPhone piuttosto che di un film per il cinema (penso per esempio a Clash of Clans); ci sono spunti interessanti e computer grafica in grande spolvero ma se l’idea di Jones era di gettare le basi per un sequel il risultato è pessimo se non drammatico. Non serve a nulla investire milioni in programmi pc, costumi e truccatori se poi la trama è meno elaborata di una puntata dei Barbapapà e questo è un concetto che anche gli sviluppatori di videogiochi hanno capito come dimostrano gli sforzi di produrre contenuti sempre nuovi e accattivanti. Insomma vale la pena spendere dei soldi per questo film? Secondo me no: avete nostalgia di orchi, spade, maghi e del fantasy in generale? Allora o vi affittate le trilogie di Peter Jackson o vi mettete davanti al computer a giocare con World of Warcraft perché andare al cinema a guardare questo film vi riempirà gli occhi di immagini straordinarie ed effetti speciali, ma senza l’ombra di una trama decente a cui legarle. Battaglie epiche, certo, ma che dopo dieci minuti vi stancheranno facendovi invocare le battute insipide di Bilbo Baggins e la sua compagnia di nani barbuti. Un’occasione persa questa che non farà affatto felici i fan del videogioco e annoierà a morte chi, non solo non ha mai acceso il suo pc per trasformarsi in un cavaliere ammazza-orchi, ma quando va al cinema vorrebbe anche usare il cervello oltre che ammirare effetti speciali e computer grafica.

Un film di Duncan Jones. Con Travis Fimmel, Paula Patton, Ben Foster, Dominic Cooper, Toby Kebbell. Fantascienza, Ratings: Kids+13, durata 123 min. USA 2016. Universal Pictures.

Trama: Il regno di Azeroth è sul piede di guerra e la sua civiltà è costretta ad affrontare una terribile stirpe di invasori: i guerrieri Orchi, in fuga dalla loro terra e pronti a colonizzarne un’altra. Quando il portale che collega i due mondi si apre, un esercito va incontro alla distruzione, mentre l’altro rischia l’estinzione. Due eroi schierati sui fronti opposti affrontano un conflitto che deciderà il destino delle loro famiglie, dei loro popoli e della loro terra.

Perugia
Gherlinda: 15.50 / 18.30 / 19.25 / 21.15 / 22.15
Uci Cinemas Perugia: 14.15 / 17.00 / 17.30 / 19.45 / 21.30 / 22.30

Foligno
Multisala Clarici: 17.30 / 20.00 / 22.30

Terni
The Space: 17.00 / 18.40 / 19.50 / 21.40 / 22.35
Cityplex Lucioli: 17.30 / 20.15 / 22.30

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250