martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 02:11
21 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:23

Vendita e uso di fitofarmaci: quattro denunce, multe per 137 mila euro e 300 scatole sequestrate

Controlli a tappeto della Forestale in tutta la regione per l'intero mese di giugno: proprietari di negozi nei guai a causa delle mancate autorizzazioni

Vendita e uso di fitofarmaci: quattro denunce, multe per 137 mila euro e 300 scatole sequestrate
Un'auto del Corpo forestale dello stato (foto F.Troccoli)

Quattro persone e tre rivendite di prodotti fitosanitari denunciate, oltre 40 multe per vendita illegale di fitofarmaci e antiparassitari e trecento confezioni di prodotti sequestrati. Questo il bilancio dei controlli fatti nel mese di giugno da 250 uomini del Corpo forestale dello stato in tutta l’Umbria: nel mirino rivenditori, commercianti, distributori e utilizzatori di prodotti fitosanitari. I controlli avevano lo scopo di verificare il rispetto delle leggi volte alla prevenzione dell’uso scorretto, da parte degli agricoltori, di tali prodotti che sono destinati alla difesa delle coltivazioni. Oggetto delle verifiche il corretto uso dei farmaci in agricoltura, la presenza dell’autorizzazione prevista per il loro commercio, il rispetto delle condizioni prescritte per la loro buona conservazione, la vendita solo a coloro che hanno i requisiti previsti dalla legge per il loro utilizzo, la non contaminazione di sostanze pericolose con alimenti presenti nei medesimi locali e altro ancora.

I controlli Oltre cento, per la precisione 117, i negozi controllati in tutta la regione con 43 multe per un totale di circa 137 mila euro. Per quanto riguarda le quattro persone denunciate, tutte dell’area del Ternano, i motivi sono da ricercare nella vendita senza l’autorizzazione prevista dalle legge nazionale. In generale le altre irregolarità contestate riguardano il mancato possesso del certificato di abilitazione alla vendita, prodotti revocati e non più omologati per l’uso ma comunque messi in commercio, l’immagazzinamento oltre il periodo di tolleranza per lo smaltimento, la loro conservazione in locali adibiti a vendita di prodotti alimentari, la vendita senza aver fornito le informazioni generali previste all’utilizzatore, la detenzione dei farmaci in locali non tenuti chiusi e la mancata trasmissione della scheda informativa con i dati che riguardano i prodotti acquistati dai clienti.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250