domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 07:26
17 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:50

Valnestore sviluppo, la Provincia decreta lo scioglimento anticipato

Alla vigilia dell’assemblea dei soci approvata pratica per la messa in stato di liquidazione

Valnestore sviluppo, la Provincia decreta lo scioglimento anticipato
La Provincia di Perugia

Scioglimento anticipato della Società Valnestore Sviluppo srl. E’ quanto deliberato dal Consiglio provinciale di Perugia (con sei voti favorevoli e tre astenuti) e che sarà sottoposto all’Assemblea dei soci della stessa Società convocata per lunedì prossimo (20 giugno). Rispetto a questa partecipata l’assemblea di Piazza Italia già alla fine del 2014 aveva espresso la volontà di recedere, dando mandato al presidente di effettuare una ricognizione degli enti partecipati al fine di un riordino complessivo alla luce delle funzioni assegnate al nuovo Ente di area vasta.

La decisione Prima di approdare in Consiglio la pratica odierna era passata nella competente Commissione consiliare presieduta da Roberto Bertini. Come illustrato in Commissione prima e in Consiglio poi dal dirigente Alberto Orvietani, si ritiene di «provvedere allo scioglimento anticipato della Valnestore Sviluppo srl» alla luce della situazione finanziaria ed economica della stessa «per la quale non viene assicurata la continuità aziendale» e viste «le difficoltà proprie della Provincia di ordine finanziario tali da non poter procedere a operazioni di finanziamento soci né di ricapitalizzazione». La Provincia di Perugia è socia della Valnestore Sviluppo per la quota del 25% del capitale sociale. La Società in questione è interamente a capitale pubblico, essendo gli altri soci, con una quota paritaria del 25%, i Comuni di Piegaro e Panicale e la Comunità Montana Monti del Trasimeno. Stando ai dati relativi al suo Stato patrimoniale e al Conto economico, la gestione presenta un risultato negativo al 31 dicembre 2015 per 433 mila euro, che si va a sommare ai risultati negativi dei tre esercizi precedenti.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250