giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:23
15 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:26

Valnerina, terme di Triponzo riaprono dopo 35 anni: «Porte aperte dal 10 settembre»

L'annuncio via Facebook dei gestori della struttura dopo ritardi e polemiche

Valnerina, terme di Triponzo riaprono dopo 35 anni: «Porte aperte dal 10 settembre»
Le terme di Triponzo

«Scusate il ritardo, il 10 settembre è la data di apertura degli antichi bagni di Triponzo». Così i gestori delle storiche terme della Valnerina chiuse da 35 anni e, a quanto pare, pronte a spalancare le porte dopo il project financing con cui sono stati realizzati gli interventi di recupero.

In particolare, il complesso termale di Triponzo (Cerreto di Spoleto) si sviluppa su cinque ettari di terreni interamente boschivi e dispone di oltre 1.700 metri quadrati coperti, con quattro vasche termali, aree per trattamenti personalizzati, solarium, bar, ristorante e una grande area ipogea, che unisce la cultura romana e araba per il circuito del benessere. I numeri fanno degli antichi bagni di Triponzo una delle spa più grandi dell’Umbria, la cui apertura è slittata di anno in anno tra le polemiche fino ai giorni scorsi, quando attraverso la pagina Facebook del complesso termale i gestori hanno annunciato la data del 10 settembre.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO
  • gianfiorello

    Grandi, dopo 35 anni! Chi taglierà il nastro? Sicuramente il plenipotenziario del luogo.
    Forte poi aprire a settembre! Ma ad ottobre in quella conca fredda ed umida chi andrà a fare cure termali. Soldi buttati via inutilmente ed io pago.
    In un paese libero, la libera informazione prima di scrivere avrebbe fatto perlomeno una visita per capire lo stato dell’arte. Appunto in un paese libero e con una libera informazione.
    Nessuno ha, per esempio, verificato, tramite Internet che il Modestia che dovrebbe gestire il tutto è stato Federale di Vetralla per il PDL e che la Società Arcos è pressochè inesistente, stante il fatto che:
    *un sito Web fa riferimento ai soli Bagni di Triponzo
    * la Società Arcos srl ha il sito web in Work

    ps. come al solito questo mio commento perchè scomodo al regime non verrà pubblicato

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250