giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:35
27 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:28

Unipg, studenti e Adisu: rimodulate le borse di studio e alzati i limiti di reddito

Ok della commissione controllo alla proposta per rivedere Isee e Ispe: ora il decreto da sottoporre alla Regione

Unipg, studenti e Adisu: rimodulate le borse di studio e alzati i limiti di reddito
L'ingresso di palazzo Murena a Perugia, sede del Rettorato

Limiti più alti per Isee e Ispe per allargare la platea dei beneficiari delle borse di studio a quanti sono rimasti tagliati fuori dal nuovo sistema di calcolo dei redditi. La Commissione controllo studenti, riunita con i dirigenti e il commissario straordinario dell’Adisu, ha approvato all’unanimità la proposta dell’Adisu elaborata sulla base delle richieste avanzate dalla Sinistra universitaria – UdU Perugia nella seduta dello scorso marzo, fondate sulla necessità di recuperare più studenti possibili dalla loro condizione di esclusi dalla borsa a causa del nuovo Isee.

La proposta approvata Nel merito del provvedimento elaborato, le misure compensative straordinarie individuate saranno adottate con gli stessi criteri di merito dei bandi precedenti, ma con quelli di reddito innalzati (per l’Isee da 20.998,37 € a 23.000 € e per l’Ispe da 35.434,78 € a 50.000 €). Pertanto, sarà emanato un Decreto del commissario straordinario immediatamente operativo, che impegni la Regione Umbria ad adottare questi provvedimenti nei suoi limiti di competenza e nel rispetto della spesa ministeriale. L’importo delle borse ammonterà, in una graduazione che calca la linea già adottata dalla Regione Puglia, a 1.959,18 € per gli studenti fuori sede, 1.110,84 € per i pendolari e 964,61 € per gli studenti in sede.

Dove nasce il problema Le misure compensative straordinarie si sono rese necessarie far fronte «al grave problema dell’esclusione di molti studenti dall’accesso alle borse di studio, in seguito ai devastanti effetti del nuovo metodo di calcolo Isee, in vigore dal 2015». La nuova normativa che regola l’accesso a tutte le prestazioni sociali agevolate nel nostro Paese modifica il calcolo dei parametri Isee Ispe, Indicatore della Situazione Economica Equivalente il primo e della Situazione Patrimoniale Equivalente il secondo. Al ricalcolo, di fronte a un aumento quasi fisiologico del valore dell’Ispe e, quindi, dell’Isee, non sono seguite correzioni per i livelli di accesso ai servizi, esattamente come accaduto per le fasce di tassazione universitaria: questo ha significato un forte impatto sul numero di studenti idonei ad accedere alle borse di studio universitarie per l’anno accademico 2015/2016, e ha comportato l’impegno della Sinistra Universitaria – UdU Perugia per cercare un rimedio a questa situazione.

Fondamentale collaborazione «Ciò che è bene sottolineare – nelle parole di Dario Sattarinia, presidente della Commissione controllo studenti in Adisu – è l’importanza di questo provvedimento nel nostro territorio, inserito in un quadro nazionale che non ha risposto in maniera uniforme a quest’esigenza. Adisu e Regione hanno dimostrato di volersi impegnare per lavorare nella considerazione dell’accesso al Diritto allo Studio come un’importante priorità politica, ed è fondamentale che in quest’ottica continui anche l’operato della Rappresentanza Studentesca: queste misure straordinarie sono dei tamponi importanti, ma non completamente esaustivi di quelle che sono situazioni ancora gravissime».

Nuova tassazione La Sinistra Universitaria – UdU Perugia si è impegnata sin dall’inizio contro il nuovo sistema Isee, fino alla richiesta di un tavolo tecnico cui siederanno l’Università degli Studi di Perugia e i rappresentanti degli studenti in Consiglio di amministrazione e Senato accademico, convocato giovedì alle ore 16, in occasione del quale sarà chiesto l’impegno dell’Ateneo a considerare le istanze studentesche per l’elaborazione condivisa di una proposta di tassazione universitaria alternativa a quella deleteria messa in atto da questo Governo.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250