giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:25
19 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 07:26

Unipg rinnova impegno su Terni, patto con Umbria risorse: «Hub d’impresa più forte con ricerca»

Nell'accordo anche fondi per sviluppo formativo e scientifico, rettore: «Credo in questi rapporti e nelle idee dei nostri giovani». A Ubt 1.500 euro per mammografo a microonde

Unipg rinnova impegno su Terni, patto con Umbria risorse: «Hub d’impresa più forte con ricerca»

MULTIMEDIA

Guarda le foto

di Mar. Ros.

Sottoscritto martedì mattina a Terni, nel dipartimento di Economia, un protocollo d’intesa tra l’Università degli studi di Perugia rappresentata dal magnifico rettore Franco Moriconi e la Umbria risorse rappresentata dal presidente Ivano Emili. L’accordo sottoscritto sancisce una sistematica collaborazione tra le parti: si tratta di uno strumento che impegna i due soggetti all’integrazione fra le proprie attività per il raggiungimento di obiettivi comuni. Dopo la firma il cavaliere Emili ha consegnato alla Ubt il ‘Premio speciale Umbria risorse’: un assegno da 1.500 euro per la sperimentazione del nuovo mammografo a microonde già avviata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Intesa tra Università e Umbria risorse Secondo l’accordo sottoscritto la società del presidente Emili  si impegna a promuovere la creazione di impresa facendo tesoro della ricerca universitaria, reperire fondi per lo sviluppo delle attività formativo-scientifiche e accogliere tesisti, neolaureati e laureandi nelle sedi operative di Umbria risorse. Dall’altro lato, Unipg contribuirà alla realizzazione di nuove attività di trasferimento tecnologico e a condividere quindi con la società i risultati delle ricerche mettendo a disposizione, per il perseguimento degli obiettivi del Protocollo le proprie strutture in caso di attività di reciproco interesse.

Progetti spin-off «In Umbria risorse  – ha detto Loris Nadotti, delegato del rettore per brevetti, innovazione e trasferimento tecnologico – troveranno terreno fertile le spin off, che potranno usufruire dei servizi della società grazie alla quale da un anno stiamo lavorando alla stesura dell’accordo oggi sottoscritto. Il bacino ternano – ha aggiunto vista la sede scelta per la firma sull’intesa – ha sfornato tanti laureati molti dei quali oggi lavorano sul territorio con merito. Grazie a Umbria risorse che oggi premia il miglior progetto spin off della ricerca, alla quale viene consegnato un contributo in conto capitale di 1.500 euro, a beneficiarne – ha spiegato è l’impresa Ubt che ha realizzato un macchinario diagnostico per il seno davvero innovativo già premiato all’edizione 2015 di Start cup e arrivato tra i primi quattro progetti al Premio nazionale dell’innovazione in Calabria».

Premiata Ubt per il mammografo a microonde Una promotrice del progetto targato Ubt ha assicurato: «I primi risultati sono molto soddisfacenti, un ingegnere e un esperto di meccatronica hanno ideato il prototipo del mammografo e lo hanno affinato fino a quello oggi funzionante collocato presso la struttura ospedaliera perugina. Alcune pazienti si sono già sottoposte allo screening e lo hanno apprezzato anche perché non necessita di schiacciamento e soprattutto preserva dai raggi x del classico mammografo perché con le microonde riesce a ricostruire le caratteristiche elettriche dei tessuti che attraversa e in base ai cambiamenti di certe costanti stabilisce se un tessuto è sano o meno; l’immagine che si ottiene è altamente specifica per una diagnostica di massa».

Università e mondo del lavoro dialogano Soddisfatti dell’accordo raggiunto i numeri uno delle due parti, Moriconi in particolare ha detto: «Ce la metteremo tutta, io credo fermamente nel rapporto tra l’Università e impresa, per noi è importantissimo seguire i ragazzi negli studi ma poterli avviare concretamente al mondo del lavoro è senza dubbio un valore aggiunto. Sono altresì convinto – ha aggiunto – che sia fondamentale investire sui nostri giovani perché le loro idee difficilmente le troviamo in altri». «Gli impegni presi col Protocollo – ha commentato il delegato del rettore per il Polo scientifico didattico di Terni Massimo Curini – è il frutto del mandato consegnatoci dal magnifico rettore Moriconi tra cui erano contemplate l’attenzione e la vicinanza all’impresa, i presupposti per un lavoro proficuo oggi ci sono».

Giuseppe Mascio in Umbria risorse Spa Per la Umbria risorse, a esprimere entusiasmo per l’accordo è Giuseppe Mascio: «Questa condivisione è finalizzata prima di tutto a non disperdere le professionalità e i talenti nostrani. Ad oggi sono ancora troppi i laureati costretti a trasferirsi altrove per un futuro. La società del presidente Emili che nasce dalla fusione di più esperienze e realtà e si fonda per larga parte anche su solidi rapporti di amicizia, oggi vuole dare ai giovani le risposte che cercano». Lo stesso Mascio, ampliando le vedute sull’intero sistema dell’Università e della ricerca lancia poi una sfida: «Serve un cambio di passo, i ragazzi non possono sempre anticipare autonomamente le risorse in attesa dei fondi pubblici ai quali hanno diritto perché si rischia di tagliare fuori i figli di famiglie meno abbienti». Alla firma del Protocollo presente anche Marcello Bigerna Ceo di Idea & Project (hub) di Umbria Risorse spa.

 Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250