domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:50
3 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:03

Un umbro su due consuma birra: via all’Agribirra al mercato di Campagna amica a Perugia

Sono il 3,3% gli appassionati, oltre 26 mila umbri a cui non manca mai il boccale a tavola

Un umbro su due consuma birra: via all’Agribirra al mercato di Campagna amica a Perugia
Assaggi di birra

Quasi un umbro su due sopra gli 11 anni (45,3%) consuma birra (circa 365mila), ma sulla tavola di un 3,3% di appassionati (oltre 26mila), il boccale non manca mai. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Umbria su dati Istat, divulgata in occasione della giornata dedicata alla birra organizzata al mercato di Campagna Amica di Perugia. L’iniziativa giunge a pochi giorni dall’approvazione (6 luglio) del Collegato agricoltura, contenuto nel DDL S 1328-B (Disposizioni in materia di semplificazione, razionalizzazione, competitività per l’agroalimentare) che ha stabilito: «Si definisce birra artigianale la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e microfiltrazione». L’iniziativa si svolgerà giovedì tra i gazebo gialli della Coldiretti di Pian di Massiano dalle ore 09.00 alle ore 13.30 e rientra in un programma a carattere nazionale che sta valorizzando nei vari mercati, ogni mese, prodotti specifici del territorio. Le birre – spiega Coldiretti – verranno promosse per l’evento attraverso educational e con una degustazione gratuita, abbinata alle eccellenze locali, dai formaggi ai salumi.

I particolari Oltre a contribuire all’economia la birra artigianale rappresenta anche – sottolinea Coldiretti – una forte spinta all’occupazione soprattutto tra gli under 35 che sono i più attivi nel settore con profonde innovazioni che vanno dalla certificazione dell’origine a chilometri zero al legame diretto con le aziende agricole, ma anche forme distributive innovative come i mercati degli agricoltori di Campagna Amica. Tra l’altro, proprio l’Oscar green 2016, il concorso per l’innovazione promosso da Coldiretti giovani impresa, quest’anno ha premiato in Umbria anche due produttori di birra agricola locale. Numerose – aggiunge Coldiretti – sono le iniziative progettuali agricole che si basano sull’impiego dell’orzo aziendale in un contesto produttivo a ciclo chiuso garantito dallo stesso agricoltore. Un’offerta appetibile per gli oltre 23 milioni di appassionati bevitori di birra presenti in Italia per un consumo procapite annuo di 29 litri. A sostenere la produzione italiana di birra – afferma Coldiretti – ci sono le coltivazioni nazionali di orzo con una produzione annuale di circa 950.000 tonnellate di orzo su una superficie complessiva investita di circa 243.000 ettari. Per quanto concerne la produzione di birra, la filiera cerealicola unitamente al ministero delle Politiche agricole ipotizzano un impegno annuo di granella di orzo pari a circa 90.000 tonnellate. In Umbria nel 2015 la produzione di orzo si è attestata sulle 100.000 tonnellate circa, su una superficie investita di quasi 18.000 ettari. In dieci anni – conclude Coldiretti – l’export di birra italiana all’estero è quadruplicato, raggiungendo nel 2015 il massimo storico per un valore di 183 milioni di euro. Con l’arrivo del caldo i consumi di birra volano anche in Italia dove si è registrato un balzo record del 6% degli acquisti, secondo un’analisi Coldiretti su dati Ismea.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250