lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:44
19 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 09:40

Umbria Jazz, il sindaco Di Girolamo apre al ritorno a Terni: «Siamo pronti a dialogare»

Il primo cittadino: «Studiamo convenzione con la Regione anche per eventi del genere»

Umbria Jazz, il sindaco Di Girolamo apre al ritorno a Terni: «Siamo pronti a dialogare»

«Siamo pronti a rapportarci, oltre che con la Regione, anche con gli organizzatori di Umbria Jazz, per meglio definire le caratteristiche di questa ritrovata presenza, da troppi anni lontano da Terni, città che ha dato i natali a questa manifestazione». E’ quanto afferma il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo in una nota lanciata dal sito ufficiale del Comune.

MIKA, CONCERTO SFUMATO A TERNI

Già al lavoro Di Girolamo fa il punto sul ‘caso’ Umbria Jazz dopo che il direttore artistico ha aperto un fronte con l’amministrazione del Comune di Perugia in merito ai finanziamenti. «Pur non volendo entrare in alcun modo nel recente confronto tra organizzatori e Comune di Perugia – spiega Di Girolamo – abbiamo già avviato un lavoro con la Regione affinché ci sia spazio per ulteriori appuntamenti di grande respiro».

La convenzione In particolare Di Girolamo annuncia una convenzione «che sarà oggetto dei prossimi incontri tra il Comune e la Regione e che punta a creare le condizioni perché appuntamenti del genere vedano protagonista Terni. L’obiettivo è dar vita, a breve, ad eventi di portata nazionale e internazionale, come avviene in altre zone dell’Umbria, per sviluppare la filiera turistica e ricettiva non solo in settori come il turismo sportivo, ma anche in ambito musicale e culturale».

Altri appuntamenti «A supporto degli appuntamenti culturali di richiamo e di qualità – prosegue la nota del sindaco – che necessitano di strutture di prim’ordine abbiamo dato segnali importanti con la funzionalizzazione del teatro di Carsulae, che è una struttura con caratteristiche non facilmente eguagliabili. Così come è spazio di prim’ordine l’anfiteatro nel cuore della città. Abbiamo affrontato la vicenda del recupero del teatro Verdi, mettendo in moto un progetto che ora è all’ordine del giorno della città e della Regione. Anche su questo versante si avvia una nuova stagione, per una città che sa essere attrattiva».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO
  • stappatore

    si peccato che la città in 40 anni ha fatto parecchi passi del gambero…stiamo come nel primo dopoguerra.
    dove li dovremmo fare i concerti? al Verdi che è da demolire? a Villalago che c’è l’erba alta 1 metro e tutto in degrado?
    poi mi immagino per i turisti che bello vedere la fontana di piazza Tacito così, e i rifiuti in ogni angolo…mi fermo quì che è sufficente
    al massimo a Terni il cantamaggio….

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250